Basso profilo, Gallo e Gigliotta scelgono il silenzio

Accompagnati dai legali Piero Mancuso davanti al gip firmatario dell’ordinanza Alfredo Ferraro hanno scelto la facoltà di non rispondere in attesa di avere piena contezza degli atti di indagine.

Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere gli imprenditori Antonino Gallo e Umberto Gigliotta, entrambi di Catanzaro, e Antonio Santo Bagnato, di Roccabernarda, comune in provincia di Crotone, destinatari di una misura cautelare in carcere nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Catanzaro “Basso Profilo”. Accompagnati dai legali Piero Mancuso, per Gallo, e Maurizio Belmonte, per Gigliotta, davanti al gip firmatario dell’ordinanza Alfredo Ferraro hanno scelto il silenzio in attesa di avere piena contezza degli atti di indagine. Nel pomeriggio continueranno gli interrogatori per una parte degli indagati sottoposti a misura cautelare in carcere.