Affaire Coopservice, tutti a processo

Il Gup di Cosenza rinvia a giudizio l'azienda e management dell'Annunziata

Come ampiamente prevedibile il Gup del Tribunale di Cosenza, Pingitore, ha rinviato a giudizio tutti gli imputati nel processo “Coopservice” scaturito dall’inchiesta “Silence” coordinata dalla procura di Cosenza e relativa all’appalto di pulizie e igienizzazione presso l’Annunziata. Il processo inizierà a gennaio.
E quindi dibattimento sarà per Maria Giacinta, Francesco Spadafora, Mario Veltri, Monica Fabris, Gianluca Scorcelletti, Fabrizio Marchetti, Salvatore Pellegrino, Massimiliano Cozza, Teodoro Gabriele, Achille Gentile, Giancarlo Carci, Renato Mazzuca e la società Coopservice nella sua specifica e aziendale configurazione.
Come si ricorderà il fascicolo nasce da alcune ispezioni ordinate dalla procura di Cosenza, tramite i Nas, nelle sale operatorie dell’ospedale. Da qui la constatazione delle condizioni fatiscenti dal punto di vista igienico-sanitario. Indagando però è venuto anche fuori che alcuni dipendenti figuravano con più ore in servizio di quelle realmente fatturate e per di più con oss a svolgere mansioni non proprie. Coopservice, tra l’altro, ha continuato in prorogatio a gestire l’appalto di pulizie all’Annunziata, nonostante l’inchiesta penale, e di recente si è nuovamente aggiudicato il cospicuo capitolato dopo gara Consip…

I.T.