Parcelle d’oro all’Asp di Cosenza, assolti Scarpelli e Gaetano

Ribaltata totalmente la sentenza di primo grado

La Corte di Appello di Catanzaro, accogliendo i motivi di appello proposti dall’avv. Nicola Carratelli in favore dell’avv. Nicola Gaetano e l’avv. Guido Siciliano in favore del dott. Gianfranco Scarpelli ha assolto dal reato di abuso d’ufficio l’ex direttore generale Scarpelli e l’avv. Gaetano in relazione agli incarichi legali affidati al professionista. Il processo denominato Parcelle d’Oro aveva avuto un forte eco sulla stampa sin dal 2014. Il dott. Scarpelli ha dovuto subire anche un procedimento davanti alla Corte dei Conti concluso con l’assoluzione davanti alla Sezione Centrale d’Appello. Scrive il Massimo Organo della Giustizia Contabile: la condotta del Direttore Generale è adeguata secondo “i criteri di legalità, economicità, efficienza, imparzialità, trasparenza di cui deve uniformarsi il comportamento dei vertici di ogni Ente … le prestazioni legali di cui agli incarichi conferiti all’avv. Gaetano sono state effettuate con l’applicazione dei minimi tariffari ed in alcuni casi ulteriormente ridotti … Le anzidette considerazioni conducono il Collegio a ritenere insussistente ogni profilo di colpa nella condotta” dello Scarpelli. Tale sentenza, definitiva è stata acquisita dalla Corte di Appello penale. Sono altresì evidenziati i risultati positivi della “Direzione Scarpelli” che ha avuto un notevole risparmio di spesa legale pari a circa 2 milione e quattrocento mila euro (74% di risparmio rispetto alla direzioni precedenti). Nonché, ancora, sono stati acquisiti i dati di bilancio che hanno evidenziato come il deficit dell’ASP di Cosenza sia stato notevolmente ridotto nel periodo di reggenza del Dott. Scarpelli.Dai 117 milioni di euro del 2011 si è arrivati ai 27 milioni di euro del 2014. Con una riduzione pari a 90 milioni di euro in appena tre anni. Sono stati depositati tutti i provvedimenti favorevoli ottenuti dell’avv. Nicola Gaetano che hanno permesso all’Ente di risultare vittorioso in numerosi procedimenti civili con un notevole risparmio per le casse dell’ASP. Alla luce di tutto il materiale prodotto l’assoluzione degli imputati ha ristabilito la Verità e la Giustizia. Restituendo la giusta dignità ad un ottimo manager ed un bravo e competente legale.