Vincenzo Speziali:《La mia solidarietà a Cinzia Mastrantuono, tutto il mondo è paese…》

Sono stato ‘citato’ da Cinzia Mastrantuono (prima Coordinatrice Provinciale di Benevento) -la quale mi confidava riservatamente ‘suoi timori’, sol perché ha ‘detto il vero’, circa coloro i quali sono (purtroppo e miserevolmente!) dediti al polticume (tant’è che mio nonno e alcuni suoi colleghi ed amici parlamentari tipo Paolo Bonomi ed Ernesto Pucci, per esempio, si ‘rivolteranno nella tomba, nel vedere all’opera improvvidi neofiti, i quali operano a qualunque latitudine, persino in Campania come in Calabria).
A fronte di ‘mistificazione falsa o di manifesta insulsaggine’ (con tanto di testimoni), non lascio solo una signora -tale è la succitata Cinzia- eppure rimangono sullo sfondo i ‘disastri’ di una effimera e pennacchistica ‘(non)classe dirigente’, che rischia di inficiare un progetto politico quale sarebbe quello di Italia Viva, con Matteo Renzi e a cui molti giardiamo con interesse, soprattutto per il futuro. Ordunque, mettiamocelo bene in testa che da giorno 10 giugno, cioè dopo la tornata elettorale o si fa sul serio una profonda riflessione (pure sulla scorta di ‘votini pochi’ di qualche attuale ‘paradirigente o di insulsi candidati’, oppure non si potrà pensare che un simile progetto politico possa risultare credibile, allorquando a rappresentarlo nei territori, vi siano esponenti, di una strana fauna politicante e farlocca, dediata a stucchevole, nonché astilicamente maleducata e persino stucchevole auteferenzialita`.
In piu`, come constato de visu e riferito al netto di prove evidenti (con evidenza consegnata ed indirizzata tramite messaggio a chi di dovere), io continuo -come continua la stessa Cinzia Marantuono e ad altri come noi due- a votare Renzi e nel nostro caso di specie Sandra Mastella, senza dimenticare laddove è possibile altre candidature di pregio, che nella mia regione identifico con Filomena Greco, alfine di chiudere la terna.