Talerico : anche in Calabria eliminato il vincolo di esclusività per infermieri e altre professioni sanitarie

Finalmente anche in Calabria viene superato il vincolo di esclusività per il personale delle professioni sanitarie del comparto sanità (in primis per gli infermieri), che potrà essere autorizzato allo svolgimento di incarichi extra-istituzionali al di fuori dell’orario di servizio essendo stata data la possibilità di effettuare attività libero professionale, presso altri enti del SSR, strutture private anche accreditate o anche in favore di singoli utenti, anche alla luce delle recenti indicazioni fornite dalla Conferenza delle Regioni e per come previsto dal D.L. 30 marzo 2023, n. 34, convertito in Legge (26 maggio 2023, n. 56).
Era una vicenda che seguivo con attenzione, poiché molti ordini professionali me lo avevano segnalato, ma anche tanti utenti che finalmente potranno usufruire di un servizio a domicilio più facile e senza doversi recare necessariamente in Ospedale e concordando con i singoli operatori modalità e condizioni della prestazione.
Ne avevamo parlato giorni addietro con il Commissario Straordinario dell’ASP di Catanzaro, Antonio Battistini, che è stato di parola anche sui tempi di adozione del regolamento, già in vigore, intervenuto con deliberazione n. 378 del 19 marzo 2024. Stesso Regolamento è stato adottato dall’Asp di Cosenza e da parte di altre Aziende. In arrivo anche il regolamento dell’A.O.U. Dulbecco, per come mi ha confermato stamattina il Commissario Straordinario, Simona Carbone.
Il regolamento dell’Asp di Catanzaro (come anche i regolamenti delle altre Aziende sanitarie) definisce e disciplina le procedure per il rilascio delle autorizzazioni allo svolgimento di incarichi extra-istituzionali e trova applicazione nei riguardi del personale delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione, appartenenti al personale del Comparto Sanità, con rapporto di lavoro a tempo determinato o indeterminato, con orario a tempo pieno.
Tali incarichi ed attività extra-istituzionali saranno consentiti, previa autorizzazione (da richiedere con apposito modulo), sino al 31 dicembre 2025.
L’abolizione strutturale del vincolo di esclusività per le professioni sanitarie, oltre a consentire al personale delle professioni sanitarie (ed in particolare il riferimento è agli infermieri) di esercitare la libera professione senza restrizioni di orario, consente altresì di aumentare le ore di assistenza sul territorio, anche in considerazione dell’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ed amplia il raggio dei servizi a domicilio, evitando a molti malati di doversi spostare e di attendere nelle sale di attesa.
Sul fronte della violenza a danno degli infermieri, non è sufficiente la semplice intenzione del Governo di inasprire le pene per gli aggressori, bensì occorre una riorganizzazione efficiente ed efficace dei servizi, un aumento del personale ed una maggiore presenza delle forze dell’ordine presso le postazioni sanitarie, eventualmente con il coinvolgimento dell’Esercito.
Altro intervento importante per la categoria degli infermieri potrebbe essere quello dell’incremento della tariffa oraria delle prestazioni aggiuntive nei servizi di emergenza-urgenza, con il riconoscimento dell’indennità di pronto soccorso, arginando le fughe di personale e rendendo più attrattiva un’area decisamente in sofferenza, anche se non l’unica.
Antonello Talerico – Consigliere Regionale