Consiglio regionale, Molinaro nuovo presidente della commissione Anti-‘ndrangheta

L’esponente leghista subentra a Gelardi, diventato capogruppo del Carroccio. Il neo eletto: serve il contributo di maggioranza e opposizione

Pietro Molinaro, della Lega, è il nuovo presidente della commissione Anti-‘ndrangheta della Regione Calabria. A eleggere Molinaro, con 4 voti a favore e una scheda bianca, è stata la stessa commissione che si è riunita oggi a Paalzzo Campanella. Molinaro subentra a Gelardi, che ha lasciato il ruolo per diventare capogruppo in aula della Lega dopo l’elezione di Simona Loizzo al Parlamento. Secondo quanto riporta il resoconto stenografico di seduta, Molinaro, nel suo primo intervento da presidente dell’Anti-‘ndrangheta ha detto di ritenere «indispensabile il contributo da parte di tutti, da parte di maggioranza ed opposizione, ma, soprattutto, da parte di uomini e donne che lavorano per la Calabria. Per combattere efficacemente le mafie serve riconoscere il merito e le competenze e in un territorio difficile qual è quello calabrese la pubblica amministrazione deve recitare la sua parte».
A rivolgere un augurio di buon lavoro a Molinaro, oltre allo stesso Gelardi, i consgilieri regionali Antonio Montuoro (FdI), Michele Comito (Forza Italia), Giacomo Crinò (Forza Azzurri) e Amalia Bruni (Misto). Molinaro è rientrato nelle scorse settimane in Consiglio regionale surrogando la stessa Loizzo.