De Magistris: «In Calabria le multinazionali si bevono i laghi per fare profitto e sottraggono l’acqua»

L’ex sindaco di Napoli: «È la regione tra le più depredate da una politica regionale corrotta nell’anima. Il popolo si riprenda i beni comuni»

«Le multinazionali in Calabria si bevono i laghi per fare profitto e sottraggono l’acqua, il bene comune per eccellenza, alle terre, ai contadini, alla vita». Lo afferma in una dichiarazione Luigi de Magistris che aggiunge: «L’acqua è un bene comune e da Sindaco di Napoli sono stato l’unica istituzione italiana ad attuare il referendum sull’acqua pubblica. Ai profitti per pochi abbiamo sostituito gli utili per tutti. La Calabria, regione ricca di verde e di falde acquifere, è la regione tra le più depredate da una politica regionale corrotta nell’anima e da multinazionali che utilizzano questa terra della periferia d’Europa per colonizzare e saccheggiare: dai laghi alle biomasse, dalle centrali termoelettriche agli insediamenti a carbone. È ora che il popolo si riprenda i beni comuni cacciando speculatori e stupratori delle nostre terre».