《Fuori i nomi dei vincitori il concorso per categorie protette》

Il deputato Sapia interviene dopo quanto pubblicato da "il Fatto di Calabria" a proposito della graduatoria dell'Asp di Cosenza

«Il nuovo commissario dell’Asp di Cosenza renda chiara e leggibile la graduatoria del concorso per 49 assunzioni dalle categorie protette». Lo afferma, in una nota, il deputato di Alternativa Francesco Sapia, che alla Camera siede in commissione Sanità: «L’attuale graduatoria, criptata con inspiegabili codici, va contro – accusa il deputato – gli obblighi di trasparenza e fa un baffo all’evoluzione della normativa, che con il Foia del 2016 ha addirittura ampliato la possibilità di ricevere le informazioni sugli atti degli uffici pubblici». «Non c’è alcuna ragione – contesta il parlamentare di Alternativa – per cui quella graduatoria debba di fatto essere inaccessibile alla consultazione di tutti gli interessati. Si tratta di una vicenda che non depone bene e che, purtroppo, alimenta i dubbi dei cittadini sull’operato dell’Asp di Cosenza, già al centro di una pesante inchiesta giudiziaria, arrivata in giudizio, che getta un’ombra lunga sulla correttezza delle procedure all’interno della stessa azienda sanitaria. Se l’Asp cercava un modo per dimostrare la propria imparzialità amministrativa, ne ha trovato uno che, soprattutto in questo periodo, induce a pensare l’esatto contrario». «Confido dunque – conclude Sapia – che la mia richiesta venga accolta, anche a riprova che la nuova direzione aziendale persegue la trasparenza e l’interesse generale».