Sanità, il governo (per ora) non spiana la strada alla super struttura

Gli uffici legislativi del Mef e del ministero della Salute segnalano anomalie attorno agli emendamenti di Cannizzaro, Ferro e Mangialavori (25 super esperti da affiancare al commissario). Testi da riscrivere

Strada in salita, almeno per ora, per il doppio lavoro a “tenaglia” Cannizzaro e Ferro alla Camera e Mangialavori al Senato. Al centro del contendere gli emendamenti (su input e mediatica volontà politica del commissario Occhiuto) di dotare l’ufficio che commissaria la sanità di Calabria di 25 figure super esperte in materia, indicate in sinergia proprio da commissario e governo. Gli emendamenti (dopo un primo difficile scoglio di natura solo formale, di ammissibilità) riscontrano diversi rilievi tecnici e sostanziali da parte degli uffici legislativi competenti che ne hanno richiesto una completa riscrittura. Non ultimo, come problema, quello che filtra dall’emisfero del “Tavolo Adduce” che non vedrebbe di buon occhio l’impostazione base dei testi che si inseriscono in una revisione complessiva del “Decreto Calabria”.
Da quanto si apprende le insidie potrebbero arrivare dai costi stessi dell’operazione (difficile che passi la strategia finanziaria del “comando”) fino a planare in una vera e propria riscrittura del “Decreto Calabria” che si troverebbe paradossalmente allungato nella forma, nel contenuto e nei tempi.
Non resta quindi che attendere la eventuale riscrittura dei decreti e il nuovo approccio degli uffici legislativi dei ministeri.
Era stato proprio il presidente e commissario Occhiuto, tra le prime sue sortite pubbliche dopo aver incassato il comando della sanità, ad annunciare di aver chiesto «al governo e al presidente Draghi in Cdm che si dia attuazione alla sentenza della Corte costituzionale che ha bloccato il commissariamento e che prevede che il commissario venga coadiuvato da 25 esperti selezionati dallo stesso commissario e dal governo. Gli esperti non sono mai stati selezionati. In Calabria non è facile trovare delle disponibilità. Ho preparato un emendamento che ho dato al governo affinché sia più semplice selezionare esperti di grande valore che possano aiutare il commissario».

I.T.