All’assemblea con Bruni 10 persone (a pochi metri i socialisti ne raggruppano 100…)

"Incidente diplomatico" a Catanzaro Lido. La perplessità, e la velenosa ironia, del segretario provinciale del Garofano

Accade tutto tramite cellulare, via social. E dove sennò, è qui dove tutto inizia e finisce. Siamo a Catanzaro Lido, c’è trambusto politico in giro. Amalia Bruni tiene una assemblea, se così si può definire. Perché con lei compresa si arriva a malapena a formare una squadra di pallone. 10 più lei 11 partecipanti, un preliminare non del tutto coinvolgente di campagna elettorale, anche se siamo ancora ad agosto e le spiagge sono piene.
Il punto però è che a pochi metri di distanza ci sono i socialisti che di anime ne raggruppano un centinaio, la loro “casa” è davvero a un tiro di schioppo. Socialisti naturalmente non coinvolti né in forma apicale (segretario provinciale e cittadino) né, naturalmente, sottoforma di derivanze. Finisce con i compagni socialisti che fanno 10 a uno, in termini di materializzazione fisica. E finisce con il segretario provinciale del Garofano che tramite cellulare fa filtrare ira e qualche (saggio) consiglio. Forse, ma Pierino Amato sottolinea forse, non è male tatticamente coinvolgere in giro i segretari e le sigle locali del centrosinistra sparso in giro. Giusto così, per evitare che si formino “capannelli” di 10 persone attorno a Bruni…

I.T.