Covid, Ferrara (M5S): per i ricoveri si utilizzi l’ospedale da campo di Vaglio Lise

«All’Annunziata di Cosenza un ulteriore reparto, Ortopedia questa volta, verrà convertito in reparto Covid» la parlamentare europea Laura Ferrara, interviene nuovamente sullo stato di sovraccarico dell’ospedale civile dell’Annunziata.
«Non capisco perché l’Azienda ospedaliera rimanga sorda, ma soprattutto muta, di fronte alle tante richieste che hanno seguito la mia di qualche settimana fa, di riconvertire l’ospedale da campo di Vaglio Lise alla sua originaria funzione: ricovero per pazienti covid. È di ieri, infatti, la notizia che anche i sindaci dell’area urbana, così come associazioni e comitati civici abbiano avanzato la richiesta di riconversione dell’ospedale militare.
L’hub cosentino è ormai saturo, il personale allo stremo e sottodimensionato, ogni giorno il bollettino si fa più preoccupante, solo ieri sono stati registrati ulteriori otto decessi. La situazione emergenziale è purtroppo chiara e le risposte devono essere immediate. La situazione attuale è chiaramente effetto delle scelte scellerate del passato, aver chiuso presidi ospedalieri territoriali ha di fatto appesantito il carico dell’Annunziata che oggi, fra le altre cose, diventa principale centro Covid della provincia, comprimendo in maniera consistente tutte le altre prestazioni per i pazienti non Covid. Gli ospedali spoke dovrebbero essere messi in condizione di rispondere in maniera efficiente alla necessità dei ricoveri dei pazienti affetti da Covid e l’ospedale da campo, allestito a Vaglio Lise, avrebbe dovuto alleggerire il carico dell’hub di Cosenza. Le tende militari invece diventano il principale centro vaccinale anti covid. Nell’area urbana non mancano sedi logistiche in grado di ospitare la campagna di vaccinazione che deve continuare a tamburo battente. In questo momento bisogna rispondere all’emergenza del pronto soccorso cittadino e di tutta la struttura ospedaliera permettendo i ricoveri nell’ospedale militare temporaneo» conclude Ferrara.