Nell’intifada Pd spunta un possibile accordo con de Magistris (a Napoli…)

L'area De Luca in rotta col partito, alle Comunali i dem potrebbero stringere un'alleanza con l'area del candidato alla presidenza della Regione Calabria

Terremotato dalle dimissioni di Zingaretti il terreno del Pd su scala nazionale non si fa arido ma, al contrario, generoso di possibili scenari. Uno di questi, immortalato localmente (a Napoli) ma dalla evidente portata conterranea, lo pubblica l’edizione napoletana di “Repubblica”. Epicentro le comunali di Napoli, ora fatte slittare a ottobre. Con la doppia veste del coprotagonista, il sindaco in carica de Magistris che però è anche candidato alla presidenza della Regione Calabria. L’area del governatore De Luca non è più solo in rotta di collisione con il Pd, a questo punto con qualunque regnanza al comando dovesse venir fuori. Ma è praticamente più fuori che dentro al punto che i dem non la considerano nel “portafoglio” delle alleanze. Il pensiero forte del Pd partenopeo (e non solo partenopeo) è cementificare l’alleanza con i Cinquestelle che a Napoli significa portare Roberto Fico in municipio. Ipotesi questa che potrebbe non dispiacere affatto a Dema, proprio l’area del sindaco in carica e candidato alla presidenza della Regione Calabria. Un incastro fino a pochi giorni da irrintracciabile ma ora possibile, secondo Repubblica. Un accordo, a Napoli, tra il Pd e de Magistris. Che nel frattempo deve correre in Calabria, dove c’è pure il Pd in campo. Si vota, a Napoli come in Calabria, nello stesso giorno…

I.T.