《Panizzoli si promuove da sola》

La Cisl medici dell'ospedale di Cosenza all'attacco del commissario

“È di questi giorni il comunicato stampa sulla “promozione” del lavoro svolto dalla Dr.ssa Panizzoli come Commissaria dell’AO di Cosenza. Nel leggerlo si dubita seriamente del fatto di vivere nella stessa realtà in cui vivono AGENAS, Commissario Cotticelli e sub Commissaria Crocco. Su istruttoria dell’AGENAS, infatti, la Struttura Commissariale ha emesso un Decreto di valutazione dell’operato della dr.ssa Panizzoli positivo al 100%. Il problema è che è basato su dati che nulla hanno di reale. Si inizia citando l’adozione del nuovo Atto Aziendale entro i termini previsti dal Decreto Calabria. Peccato che, per ammissione pubblica della stessa Dr.ssa Panizzoli, tale documento sia stato redatto dai Direttori di Dipartimento ereditati dalla precedente Amministrazione, commissariata perché valutata negativamente (si ricorda che i Direttori di Dipartimento sono di nomina fiduciaria del Direttore Generale dell’azienda). Peccato che lo stesso Commissario Cotticelli, a distanza di oltre sei mesi, non lo abbia ancora ratificato. Peccato che il Dipartimento Regionale Tutela della Salute, in un documento di due pagine pieno di pesanti rilievi, inviato all’AO di Cosenza il 13 agosto scorso, ne chieda la completa riformulazione. Proseguendo nell’elencaz ione degli obiettivi definiti come raggiunti, se ne trovano tanti di cui, utenti ed operatori, non ne hanno affatto contezza. Si parla di individuazione e piano di risoluzione delle criticità. Per valutarlo basta guardare la situazione al Pronto Soccorso, senza sollievo e neanche prospettive. Si accenna al governo delle liste d’attesa ed al loro “tendenziale rispetto” dei piani regionali. Se mesi di attesa per prestazioni anche urgenti voglia dire aver raggiunto l’obiettivo… Si prosegue con un passaggio i n stupendo burocratese: «contenimento, nel primo semestre 2020 e rispetto all’esercizio 2019, della spesa riferita a forniture di personale sanitario gravante sulla posta di bilancio relativa a “Beni e Servizi”, con riduzione di almeno il 50% della spesa m edesima e ridistribuzione, per quanto necessario, sulla posta di bilancio relativa a personale a gestione diretta nel limite del tetto di spesa fissato per l’Azienda ospedaliera cooperative sostituendoli con » . Tradotto: hanno licenziato gli operatori delle personale dipendente che operava in altre strutture ridotte, a loro volta, in estrema carenza. Si conclude con la presentazione del progetto di efficientamento dell’utilizzo delle sale operatorie dell’Annunziata entro il 9 maggio di cui, ad oggi, non si è notato alcun effetto. A questo punto sorge spontaneo il quesito. Visto che il personale medico e sanitario in genere, essendo in numero enormemente al di sotto dell’accettabile, non ha colpa anzi è da santificare per i grandi sacrifici fatti nel cercare d i tamponare carenze oramai croniche. Visto che i manager che si avvicendano a vari livelli nella nostra Sanità regionale risultano essere tutti delle eccellenze. Visto che la classe politica regionale gestisce e programma la sanità in modo inappuntabile. V uoi vedere che è colpa dei cittadini utenti che si ammalano in modo anomalo e dispettoso e fanno della nostra Sanità un baraccone in disfacimento da oramai trent’anni?”
Cosi il dottor Rodolfo Gualtieri, segretario aziendale Cisl medici, in una nota stampa.