Regione, Sposato: Consiglio si doti piano complessivo riforme

“A distanza di due mesi dal voto di gennaio si riunisce oggi il primo consiglio regionale. E’ importante che l’assise regionale torni a svolgere la sua funzione, che abbia capacita’ di legiferare per gestire le complessita’ e le emergenze di una regione come la Calabria, che necessita piu’ di altre di un progetto complessivo di riforme”. E’ quanto afferma, in una nota, il segretario generale della Cgil calabrese, Angelo Sposato. “Gli organismi democratici, svuotati nel passato nella loro funzione istituzionale, al punto che non si e’ riusciti ad approvare l’ultimo bilancio regionale – prosegue Sposato – devono tornare ad avere un ruolo preminente, originario per dare un indirizzo ed una visione per una nuova Calabria. Un piano complessivo di riforme, significa ridotare del suo ruolo legiferativo la nuova assise regionale. Un piano regionale per lo sviluppo, l’economia e il lavoro, una progetto di riforme della geografia istituzionale con la rivisitazione dei processi di aggregazione e fusioni dei comuni, la rimodulazione della spesa comunitaria, la riforma di un piano sanitario regionale condiviso con il governo centrale per sbloccare immediatamente le assunzioni necessarie di medici, infermieri, Ooss, tecnici amministrativi e uscire dal debito, i protocolli di legalita’ contro la corruzione, per la lotta alla ndrangheta e contro i reati ambientali, il sostegno alla scuola, alla universita’ e ricerca, con una nuova legge regionale per il diritto allo studio, un progetto di riforma degli enti strumentali e delle partecipate pubbliche regionali”. “Su questi temi – sottolinea il segretario generale della Cgil calabrese – auspichiamo un confronto di merito e senza pregiudiziali delle parti sociali con le forze politiche presenti in consiglio regionale e con il nuovo esecutivo regionale. Nei giorni scorsi, con la nuova giunta regionale, dopo una trattativa fiume, abbiamo siglato un importante accordo sugli ammortizzatori sociali, che puo’ dare respiro all’apparato economico produttivo regionale, ai lavoratori, in un momento di grave crisi sanitaria che rischia di produrre un colpo letale per la nostra regione. L’approccio avuto, sia con il presidente Santelli, che con l’assessore al lavoro Orsomarso, e’ stato positivo e costruttivo. Auspichiamo che la task force su economia e lavoro gia’ istituita, possa riunirsi subito. Per superare l’emergenza sanitaria in corso serve una politica coesa, ma la Calabria deve dare segnali chiari e forti anche su legalita’ e la lotta alle mafie, e su questo non puo’ fare passi indietro”. Per Sposato “servono scelte che agiscono culturalmente sulla percezione della legalita’ che deve essere intesa come stile di vita della una comunita’. A questo proposito, invitiamo il Consiglio regionale, la maggioranza, ad individuare, nel rinnovo degli organismi del Consiglio regionale, a partire dalla Presidenza, personalita’ di alto profilo e che non abbiano vicende giudiziarie confliggenti con l’esercizio del proprio mandato, in ruolo e funzione. Il Consiglio regionale rappresenta tutti i cittadini calabresi. In questo grave momento storico, determinato dall’emergenza sanitaria globale, che produrra’ mutamenti anche nel nostro modello sociale, avere punti di riferimento istituzionali diventa determinante”.