Zingaretti in azienda da Callipo: è il momento di salvare la Calabria

Il segretario Pd a Maierato: è da mesi che chiedo a Oliverio di darci una mano

Alla “destra” di Zingaretti e con una scatola gigante di tonno al centro. Così Pippo Callipo si fa immortalare alla prima con il segretario dem, giunto apposta per lui fino a Maierato, nello stabilimento. E a poche ore, soprattutto, dalla proposta di Oliverio di fare tutti un passo indietro…《Per quanto riguarda Mario Oliverio – ha detto a tal proposito Zingaretti – io sono mesi, anche con diversi incontri personali, che gli chiedo di aiutarci, di aiutarci a vincere, perché il problema non è Tizio, Caio o Sempronio, ma quello di creare le condizioni di allargare il campo e di mettere in campo una proposta credibile, che ora intorno a Callipo è possibile. Quindi – ha spiegato ancora Zingaretti – io rinnovo la richiesta con lo stesso spirito di collaborazione fra tutte le forze che si oppongono alle destre di unirsi rispetto ad una personalità di cui forse i calabresi non si rendono conto, ma rende orgogliosa la Calabria in tutta Italia e in tutto il mondo. È la carta vincente》. 《L’appello che faccio a Mario Oliverio ed a tutte le forze che sostengono il governo – ha dichiarato ancora il segretario del Pd – è: questa volta non possiamo regalare questa terra bellissima al rischio del degrado. Ci sono tante personalità, a me ha colpito molto quella di Nino De Masi, altro grande imprenditore calabrese simbolo dell’antimafia che ha detto una cosa semplice: Salviamo la Calabria, mettiamo da parte gli egoismi, i personalismi. E’ il tempo delle scelte e sostenendo Callipo ha dato un segnale di speranza, quindi mi auguro che tutti prendano atto di questa consapevolezza. Quel che è certo – ha sottolineato – è che il simbolo del Partito Democratico sarà accanto al nome di Callipo perché, ripeto, quello che è in gioco è il futuro di questa terra. Callipo è l’unica possibilità in questo momento che può rappresentare l’unità e la forza dei calabresi》.

“Ci sarà uno scontro sulle priorità nazionali – ha detto ancora il segretario del Pd – sull’orientamento delle risorse e ci sarà anche uno scontro che avrà al centro la possibilità del riscatto del Mezzogiorno e come la Calabria concorrono tutti gli altri territori, in Europa concorrono gli altri Paesi europei e noi dobbiamo essere forti, mi permetto di dire i calabresi devono essere forti, e mettere in campo un pezzo da novanta che sa combattere le sue battaglie per i calabresi. Questa è esattamente la posta in gioco”.
“Ho visto che ci sono state delle critiche, ma questo è legittimo, si è detto che di Callipo non è chiara la sua collocazione politica, che è un uomo di destra, un uomo di centro, ma è esattamente quello di cui c’è bisogno: cioè di una personalità che rimetta in discussione anche le appartenenze di chi vota e che ricostruisce una proposta civica per amore della Calabria”. Così il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, nell’azienda dell’imprenditore Filippo Callipo, candidato a governatore della Calabria. “Perché – ha detto Zingaretti –  o noi rimettiamo al centro gli interessi di chi lavora, di chi produce, di chi lotta per la legalità in questa terra o non ce la faremo mai. Quindi il mio è un appello addirittura non da segretario del Partito democratico ma da persona che ama questa terra: Difendete la Calabria e per farlo bisogna avere il coraggio di scegliere”.