“La vera forzatura è quella di Graziano”

Michele Drosi, presidentedell’assemblea provinciale del PD di Catanzaro replica al commissario regionale del partito sull'indizione delle primarie da parte del governatore Oliverio

 “Stupiscono davvero le dichiarazioni del Commissario regionale del PD, Stefano Graziano, che definisce “ l’ennesima forzatura del Presidente uscente” la firma del decreto, da parte di Mario Oliverio, che prevede la convocazione dell’elezioni primarie per la data del 20 ottobre 2019”.  A parlare è Michele Drosi, presidentedell’Assemblea provinciale del PD di Catanzaro.

“E stupiscono ancor di più, perché – continua Drosi –  il consigliere regionale della Campania, Graziano, dovrebbe sapere che si tratta di un atto dovuto, previsto dall’art. 5 della legge regionale n° 25 del 17agosto 2009. Non dare corso al dettato legislativo, pertanto, avrebbe sicuramente comportato una grave omissione, impedendo a coloro che volessero utilizzarle di poterlo fare”.

“Le vere forzature,quindi, sono quelle praticate, da tempo, dal commissario regionale che,  – sottolinea il dem – piuttosto che occuparsi dei precari del comparto sanitario, del “decreto salute” che tanti guasti sta provocando sulla pelle dei cittadini calabresi, della riorganizzazione del partito attraverso la celebrazione del congresso, si è limitato, invece, nel corso di questi mesi, con una ostinazione, questa sì, degna di miglior causa, a contrastare, da Napoli, Oliverio e a negare in maniera pregiudiziale e antidemocratica quanto richiesto a gran voce da tantissimi calabresi e quanto previsto dallo Statuto del PD, come elemento fondativo e costitutivo, cioè di poter svolgere le primarie”.

“Come, del resto, si è sempre fatto in questi anni per eleggere i Segretari nazionali, per ultimo Zingaretti, i Segretari regionali, i candidati a Premier, i Sindaci e i Presidenti delle Regioni. Nessuna lacerazione, quindi, ma – prosegue Drosi – una pratica democratica che ha consentito e consente, in presenza di diverse opzioni, di poter compiere una scelta”.
“Richiamare, poi, continuamente i costi che sono necessari per garantire l’esercizio democratico da parte dei cittadini, non fa altro che – conclude –  alimentare quel populismo e quella demagogia spicciola, che sono il marchio distintivo del M5S, al quale il PD sta elemosinando un’alleanza a tutto campo, che, tra l’altro, i grillini non intendono in nessun modo perseguire”.