Condizioni a Cinquestelle: Pd costretto a travestirsi da lista civica

Vanno avanti le tratattive a Roma. Il Movimento chiede a Zingaretti di non schierare il simbolo nelle regioni

Al momento non ci sono altre possibilità. Il “matrimonio” combinato a Roma non è replicabile con gli stessi vestiti e alle stesse condizioni. E per le regioni le “verginelle” industriali del Movimento Cinquestelle non possono che chiedere una cosa al Pd di Zingaretti. Per correre insieme non debbono esserci simboli in campo. Nessun simbolo. Quasi a “travestire” il partito di Franceschini, Orlando e Zingaretti in una enorme e stratificata lista civica. Perchè solo con liste senza bandiere di partito il Movimento di Grillo ma soprattutto di Di Maio e Di Battista può far gara insieme. Ovviamente, per quanto riguarda la Calabria, va da sè che i Cinquestelle non si limitano a scolorire la bandiera del Pd ma anche, se non soprattutto, a pretendere l’investitura. La nomination. Il candidato presidente. Senza questa premessa, a forma di “musica”, messe pare proprio che non se ne possano cantare…