Anche Toti in piazza, smottamenti in Calabria

Il governatore della Liguria a fianco di Salvini e Meloni. Si consolida il fronte Gentile-Aiello-Ferro

Lo aveva promesso e lo ha fatto, Giovanni Toti. Governatore della Liguria e ormai ex berlusconiano a tutti gli effetti. Dentro la Camera l’opposizione costruttiva di Forza Italia ma fuori, in piazza, chi intravede nel governo giallorosso un vero e proprio affronto alla volontà popolare del momento. 《Questo è il miglior posto dove poter essere oggi》 ha chiosato Toti. Siglando la scissione ormai definitiva da Forza Italia che, come è noto, ha persino fatto filtrare la tesi della responsabilità in caso di bisogno, senatori pronti a dare una mano caso per caso se il governo dovesse andare in crisi. C’è poi sullo sfondo la partita delle Regionali. Salvini governa con Forza Italia il Nord ma non è escluso che da ora in avanti voglia far squadra solo con Meloni e, appunto, con il movimento ex forzista di Giovanni Toti. Che in Calabria può contare, al momento, sui fratelli Gentile e su Piero Aiello, non da oggi su una posizione di rottura totale con l’asse Santelli-Tallini-Occhiuto. Si va così delineando uno scenario dove si possono intravedere anche più candidature nel centrodestra e comunque con una forte nomination Lega-Fdi appoggiata dal movimento in Calabria capitanato dai Gentile. E il nome al momento quello è, Wanda Ferro. Fedelissima di Giorgia Meloni alla quale Salvini potrebbe concedere l’onore della corsa in Calabria…