Reddito di cittadinanza, Magorno (Pd): presa in giro per i cittadini

“Il gran pasticcio del reddito di cittadinanza, una misura sbagliata in tutto e per tutto con errori talmente clamorosi da far pensare che si tratta solo di una presa in giro per i cittadini”. Lo scrive su twitter Ernesto Magorno, senatore del Pd, commentando la notizia di un errore nel testo di legge relativo al reddito di cittadinanza.

Il testo — legge dello Stato dal 29 marzo, giorno della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale numero 75 — di fatto esclude dal sussidio i componenti maggiorenni diversi da chi ha fatto domanda di reddito. Riservandolo solo ai minori e appunto ai disabili. Un’assurdità da correggere in fretta. Non la sola, visto cheil modulo di domanda riscritto dall’Inps il 2 aprile e messo online, dopo l’approvazione della legge per recepirne le novità, riporta curiosamente il beneficio economico come doveva essere. E non com’è, legge alla mano.

continua qui..