25 candeline “azzurre”, 《Morra ha impedito che il ministro incontrasse il sindaco di Cosenza》

Iniziativa e conferenza stampa di Forza Italia. L'affondo di Roberto Occhiuto

25 anni e non sentirli. O sentirli quanto basta. E una nuova sfida all’orizzonte e con radici nel presente, contrastare la stagione “gialloverde” con la concretezza delle grandi opere. Forza Italia a Cosenza celebra il quarto di secolo del partito con lo stato maggiore al gran completo. Da Jole Santelli al commissario provinciale e consigliere regionale Gianluca Gallo al vicepresidente del gruppo alla Camera Roberto Occhiuto. Che è il più netto nel tracciare la linea a terra che li separa dalla stagione di potere corrente. 《Sono livorosi, da noi anche di più. La stagione dell’odio. Basta vedere quello che ha fatto Morra, ha impedito che il ministro Bonisoli incontrasse il sindaco di Cosenza non a Bolzano, ma a Cosenza…》. 《Questo governo è senza identità, non ha un piano per il Sud e per le imprese e preferisce affrontare il problema del lavoro con le elemosine e non con gli investimenti》 dice Jole Santelli. 《La nostra speranza è che duri poco》 continua – . E’ un governo – ha aggiunto – che non ha nella sua agenda politica il Sud e che dimentica il Sud del Sud, cioè la Calabria, come si è visto anche negli ultimi giorni. Dopo 25 anni Forza Italia è più viva che mai e il ritorno del presidente Berlusconi sulla scena politica è coinciso con una forte ascesa nei sondaggi. Mi viene da ridere quando sento dire dalla maggioranza che i cosiddetti poteri forti ostacolerebbero il lavoro dell’Esecutivo: noi, nelle varie esperienze di governo, avemmo contro sindacati, istituzioni europee, media, avemmo un conflitto difficile con la magistratura ma riuscimmo a governare con equilibrio e senso dello Stato》. 《Serve – ha concluso Jole Santelli – una nuova geografia politica che moderi le istanze nazionali senza rinunciare a difenderle ma in una posizione dialogica con l’Europa》.