Sindaco Locri: Asp di Reggio in evidente situazione di caos

“E’ in evidente situazione di caos l’Azienda sanitaria provinciale di Reggio calabria”. Lo afferma il sindaco di Locri, Giovanni Calabrese, che, in una nota, aggiunge: “L’Ing. Scura, fresco di licenziamento da parte del Consiglio dei Ministri, non poteva essere, per come contestato dal “Tavolo Adduce” soggetto attuatore e commissario della sanita’ nello stesso tempo, ricoprendo nei fatti il ruolo di controllore e controllato. Praticamente – rileva – tutti gli atti amministrativi, adottati dopo la rimozione forzata di Brancati, sono nulli. Passiamo da atti sterili ed inconcludenti ad atti effettivamente nulli. A questo – annota il sindaco – si aggiungono i rilievi mossi dal collegio sindacale alla delibera sul piano triennale sul fabbisogno del personale relativamente al triennio 2018-2020 che in concreto andranno a vanificare quelle poche opportunita’ di assunzioni sventolate come eccellente risultato nelle scorse settimane. Chi paghera’ le conseguenze di questo scempio oltre ai cittadini che quotidianamente ne subiscono le conseguenze?”.

Per Calabrese “quanto accaduto all’azienda sanitaria di Reggio Calabria in questi anni e’ assolutamente paradossale e vergognoso. Ma, purtroppo, il teatrino non e’ ancora terminato. Finalmente – scrive il sindaco – ieri il Consiglio dei Ministri sostituisce, dopo lungo travaglio, l’incapace e arrogante Commissario Scura – rispedendolo a fare il Sindaco di Alfedena – con un ottimo Generale dei Carabinieri, valoroso servitore dello stato e riferimento certo per la legalita’, pero’, totalmente privo di esperienza manageriale nella gestione della sanita’ pubblica. Al Generale Cotticelli viene affiancato – nel segno del cambiamento!!! – un sub commissario, purtroppo gia’ noto alla politica calabrese durante il governo regionale Loiero. Sicuramente il M5S non ha alcuna responsabilita’ sulle gravissime condizioni della sanita’ calabrese addebitabili solo ed esclusivamente alla politica di centro destra e centro sinistra. Le nomine del Generale Saverio Cotticelli e del sub commissario Thomas Schael confermano, invece, – osserva – che la deputazione parlamentare a cinque stelle, gia’ non considerata in sede di formazione del governo, continua a non avere voce in capitolo sulle vicende della propria regione. In tutto cio’ la Giunta regionale dovra’ nominare il sostituto di Giacomino Brancati – rimosso oltre che da Scura dalla stessa Giunta regionale – che rischia a sua volta di essere successivamente “sciolto e commissariato” a seguito delle verifiche in corso della commissione d’accesso, per le presunte infiltrazioni mafiose, in atto presente all’Asp di Reggio Calabria. Questo – dice il sindaco di Locri – e’ il drammatico teatrino politico amministrativo che si sta vivendo in riva allo stretto e che impone condizioni sanitarie da terzo mondo agli sfortunati cittadini della provincia di Reggio Calabria e in particolar modo della Locride”. Calabrese auspica a questo punto “che il Presidente Conte, al quale abbiamo espresso nella recente visita a Locri la gravita’ della situazione Ospedale, voglia mantenere l’impegno che verra’ affrontata seriamente e concretamente l’emergenza sanitaria che si e’ venuta a creare nella locride”. (