Sanità, se per il governo la priorità è l’anticorruzione

I Cinquestelle rivendicano la scelta di figure "militari" nelle regioni critiche del Sud

“Iniziamo ad allontanare la mano della politica dalla sanita’. Con l’incompatibilita’ tra il ruolo di governatore e il commissario ad acta per la sanita’ il controllato non sara’ piu’ anche il controllore. Apriamo finalmente a tecnici qualificati che sapranno risollevare le Regioni in difficolta’”. Cosi’ il senatore del Movimento 5 Stelle, Pierpaolo Sileri, presidente della Commissione Igiene e Sanita’ di Palazzo Madama. “Dalla Campania con De Luca al Lazio con Zingaretti – aggiunge – c’e’ assoluta necessita’ di figure con professionalita’ in ambito della gestione sanitaria con particolare riguardo all’anticorruzione. Abbiamo iniziato con la Calabria e il Molise, proseguiamo per migliorare la sanita’ nelle Regioni in piano di rientro. Abbiamo fatto un passo avanti fondamentale”