Tutti gli uomini di Minniti (se si candida)

Secondo il Corriere della Sera è ormai imminente ed ha una data e un luogo (il seminario di gran parte dei parlamentari renziani a Salsomaggiore il 9 e 10 novembre) la discesa in campo dell'ex ministro per la segreteria nazionale del Pd. Ecco chi lo seguirà da subito in Calabria.

 La sovraesposizione mediatica di Marco Minniti delle ultime ore (da Agorà a Piazza Pulita, solo per restare agli ultimi giorni) dice solo una parte di quello che dice invece il Corriere della Sera stamattina. Renzi convoca (e fa convocare da Guerini) i suoi parlamentari per un seminario di due giorni a Salsomaggiore il 9 e 10 novembre.

Si tratta, secondo quanto interpreta il primo quotidiano nazionale, sostanzialmente di un rassemblement di area, anche se non tutta, ma si tratta soprattutto di sciogliere le briglie e lanciare col timbro del renzismo proprio la candidatura di Marco Minniti alla segreteria nazionale del Pd.

Non è dato sapere se l’ex ministro in realtà non stesse aspettando proprio questo, per sciogliere le riserve, ma di certo è da annotare la sua difesa anche personale nei confronti dell’ex premier andata in scena sugli schermi di Formigli e de La 7 ieri sera. Della serie, non sono mai stato un signor sì di Matteo ma ora è inguardabile chi lo critica (e prima lo ha servito) solo perché è meno potente del passato. Se il probabile timbro del renzismo d’annata (anche se non di tutto il renzismo, sia chiaro) basterà a Marco Minniti per sciogliere le riserve lo sapremo nel giorno di San Martino, quando per solito si aprono le botti. E il primo “bicchiere” ci dirà subito se il vino è di quelli buoni.

Nell’attesa, e dando per assai probabile ormai una discesa in campo dell’ex ministro per la segreteria nazionale del Pd, ecco gli uomini di Calabria che lo seguiranno senza alcun tentennamento.
Partendo dallo Stretto è innegabile che se c’è Minniti in pista c’è anche al suo fianco Nicola Irto, presidente del consiglio regionale, accompagnato dall’ex parlamentare Demetrio Battaglia. Ci metterebbe qualche minuto a lasciare la corsa di Richetti. Il sindaco di Reggio Falcomatà lo si dà per scontato perché tra l’altro è tra i firmatari della stessa candidatura di Minniti. A Catanzaro, e per mille ragioni, è pronto a seguirlo il deputato Antonio Viscomi. Da tenere d’occhio poi quello che decideranno di fare Ciconte e Scalzo, che in consiglio regionale fanno squadra a parte rispetto al Pd ma che non è dato sapere se e come parteciperanno al congresso. Saranno attratti da Minniti?
Ma è a Cosenza, nell’area più intrigante della faccenda, che sono attesi gli scossoni più importanti. A capeggiare la lista dei minnitiani immediati c’è senza alcun dubbio Franco Iacucci, presidente della Provincia. Anche il consigliere regionale Carlo Guccione seguirebbe la corsa di Marco Minniti, naturalmente accantonando alla svelta quella di Nicola Zingaretti dove invece resterebbero ben ancorati i consiglieri regionali Mirabello e Giudiceandrea.
Non è parlamentare ma anche Stefania Covello, seguendo la prua di Ettore Rosato, potrebbe e alla svelta convergere su Minniti. C’è poi da interpretare l’universo dei franceschiniani, oggi più o meno compattamente su Zingaretti ma chissà, Mimmo Bevacqua per esempio potrebbe essere attratto pure lui dalla corsa dell’ex ministro degli Interni.
E tutti gli altri? Per ora è mistero assoluto, regna incontrastata l’incertezza e anche nell’ipotesi della corsa di Minniti. A cominciare dall’ex presidente della Provincia di Catanzaro Enzo Bruno. Non è dato poi sapere quello che deciderà di fare la parlamentare Enza Bruno Bossio, per esempio. Lo stesso dicasi per il capogruppo in consiglio regionale Sebi Romeo. Totalmente esoterica, inconoscibile al momento, anche la posizione che assumerà il governatore Oliverio. Per quanto riguarda il senatore ed ex segretario Magorno si sa solo, al momento, che sarà a Salsomaggiore.
L’attesa, in ogni caso, è in crescendo. E non è escluso che queste dinamiche attorno a Minniti non influenzino anche quelle per la presentazione delle candidature alla segreteria regionale del Pd (entro il 16-17 novembre) in vista del congresso.
Qualcosa si “muove” e anche di importante nell’emisfero del Pd…

I.T.