Tanti aspiranti dg quanti sono gli anni di Cristo

Sono 33 in pista per il dopo Fatarella. Deciderà la giunta. C'è da prendere il posto del reggente (e rinunciatario) Zito. In campo vecchie volpi come Calvetta e Capristo ma anche una schiera al femminile guidata da Vulnera. Mauro fuori gioco

Sono 33 gli aspiranti direttori generali pronti a contendersi la poltrona di direttore generale del dipartimento Tutela della Salute.

Da tempo la Giunta regionale sta cercando di trovare chi possa prendersi l’onore e l’onore di guidare il dipartimento che fu di Fatarella e che attualmente è guidato dal dirigente reggente Bruno Zito.

Tra i nomi in corsa ci sono dirigenti della vecchia legislatura e della nuova. Ecco i nominativi: Bruno Calvetta, Elga Rizzo, Antonio Belcastro, Vincenzo Caserta, Flavio Cedolia, Antonio Daffinà, Gianfranco Scarpelli, Antonio Capristo.

In lizza anche Francesco Amato, Anna Rosalba Buttiglieri, Angela Caligiuri, Vincenzo Carlo La Regina, Luigi Mancuso, Elio Vittoria Manduca, Domenico Marino, Antonio Menniti, Luca Giuseppe Merlino, Teresa Mezzotero, Angelo Michele Miceli, Vincenzo Mirarchi, Antonio Perri, Sergio Petrillo, Maria Patrizia Petrolo, Joseph Polimeni, Luigi Prano, Vittorio Prejanò, Giuseppe Quintavalle, Giuseppe Raiola, Franco Ernesto Rubino, Antonino Scavelli, Gaetano Sirna, Gennaro Sosto e Marilù Vulnera.