Pd Calabria, ex “promessa” renziana Callipo lascia e passa a Fi

Il presidente di Anci Calabria e sindaco di Pizzo Calabro , Gianluca Callipo, lascia il Pd per sostenere la corsa del primo cittadino di Cosenza, Mario Occhiuto, alla guida della Regione Calabria con Forza Italia. La decisione del giovane amministratore calabrese ha un suo peso negli equilibri politici regionali, oltre a rappresentare un duro colpo d’immagine per i democratici, trattandosi di un’ ormai ex promessa del partito, assai accreditata con la segretaria di Matteo Renzi. Gianluca Callipo, nel 2014, è  stato infatti candidato alle primarie del Pd per la scelta del presidente della Giunta regionale in contrapposizione all’attuale governatore, Mario Oliverio, raccogliendo 55.000 preferenze pari al 42% dei voti delle primarie. “Accolgo l’appello al civismo lanciato ai Sindaci dal governatore Mario Oliverio, ma lo faccio scegliendo di sostenere il collega Mario Occhiuto come candidato alla presidenza della Regione. Cambiare – spiega – significa prendere atto che la politica non puo’ piu’ essere inquadrata secondo i canoni tradizionali, esaltando l’appartenenza fine a se stessa. Se vogliamo andare avanti, oggi bisogna puntare sulle persone piu’ che sui partiti”. Callipo ha fatto parte della commissione interna del Pd che nelle ultime settimane ha gestito le elezioni provinciali a Vibo Valentia che, pero’, ad urne aperte, ha fatto registrare i voti dei sei consiglieri comunali di Vibo-citta’ finiti al candidato di Forza Italia. Un altro caso per il quale il Pd, nel Vibonese, ha investito la commissione di garanzia del partito per i provvedimenti del caso.

 

 

(AGI)