Iacucci e l’elenco “dopato” di sindaci per Minniti

l presidente della Provincia di Cosenza inserisce delle fasce tricolori che via via stanno smentendo l'adesione alla candidatura dell'ex ministro. E altri nomi, non pochi, sono in arrivo...

Negli studi di Lucia Annunziata, ieri, Marco Minniti non aveva molta voglia di raccontare analiticamente la genesi dell’elenco dei 551 sindaci a sostegno della sua candidatura. Di più, sarebbero quelli che lo avrebbero poi sostanzialmente incoraggiato a prendere parte alla corsa. È toccato alla stessa Annunziata farlo vedere, ovviamente senza leggerlo. Molti campani, qualcosa dal profondo Nord. Una cinquantina dalla Calabria.

L’elenco completo, che è in nostro possesso, è stato pubblicato dalla rivista digitale di partito, “Democratica”. E gli addetti ai lavori nonchè uomini di partito e sindaci conoscono questa pubblicazione perchè in gran parte arriva loro sul cellulare. Aperta rivista, letto elenco, e apriti cielo. Qualcuno non avrebbe giocato “pulito” esibendo nell’elenco, soprattutto in provincia di Cosenza, adesioni all’insaputa dell’aderente o persino all’insaputa della sua stessa e futuribile volontà politica. E giù una ad una le smentite, il chiamarsi fuori, con le orecchie che cominciano a fischiare al presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci, aderente “principe” alla cordata Minniti. Non sono in pochi quelli pronti a giurare che l’elenco dei sindaci cosentini porta la sua firma, naturalmente anche quelli a loro insaputa. Inizia a sfilarsi, naturalmente su Facebook, il sindaco di Casali del Manco che pure figurava e figura nell’elenco che Iacucci avrebbe consegnato in “dote” a Minniti. Leggiamo cosa scrive Nuccio Martire:

In merito alla candidatura di Marco Minniti a Segretario del Pd non ho dichiarato nessun sostegno, pur riconoscendo nella persona dell’ex Ministro dell’Interno una figura autorevole. Il Partito Democratico ha bisogno di confronto sui territori e non di condivisioni solo sui nomi, pertanto solo dopo un confronto a partire dal mio circolo e dal mio territorio sosterrò uno dei candidati a Segretario.”

Segue a stretto giro il sindaco di Rocca Imperiale, Ranù. Anche lui nell’elenco a sua insaputa: “È comparso stamattina il mio nome in un elenco di amministratori a sostegno di Minniti segretario Pd. Pur manifestando apprezzamento e stima per la persona di Minniti nessuna adesione vi è stata da parte di mia alla sua candidatura. Valuterò nei prossimi giorni, unitamente alla sezione locale, il candidato da sostenere”.

Stappata la bottiglia, trovato il coraggio e scoperto il “tranello” altri sindaci stanno per uscire allo scoperto nelle prossime ore. Sindaci a loro insaputa già minnitiani. Si tratta del sindaco di Praia a Mare (Praticò), di Scalea (Licursi), di Bisignano (Lo Giudice), di Sant’Agata d’Esaro (Branda) e di Figline (Adamo). E altri ancora, giura chi se ne intende, potrebbero arrivare. Perché un conto è essere “minnitiani” convinti. Un altro esserlo senza esserne convinti. Un altro ancora è non pensarci proprio a fare il tifo per l’ex ministro, salvo trovarsi nell’elenco degli ultras. E arrivano le smentita, arriva chi si sfila. E poco importa se l’elenco, magari, lo ha impacchettato da Cosenza Franco Iacucci…

I.T.