《L’inchiesta su Riace? Bisogna sempre rispettare la magistratura》

Marco Minniti dai microfoni di Radio Capital: non commento le frasi di Lucano contro di me

Ospite della trasmissione radiofonica “Circo Massimo” su Radio Capital, condotta appunto dal direttore Giannini, l’ex ministro degli Interni Marco Minniti ha parlato di sicurezza e del suo libro, della sua possibile ma non certa candidatura alla segreteria nazionale del Pd ma, sollecitato, ha parlato anche di Mimmo Lucano e dell’inchiesta sul sistema Riace. 《Bisogna sempre rispettare le inchieste e avere fiducia nella magistratura》 ha detto tra l’altro 《e non a corrente alternata》. Altro è poi condannare a priori 《un modello, quello dell’accoglienza a Riace, che ha rappresentato una novità in termini di rivitalizzazione dei nostri borghi》. Ad un certo punto gli viene chiesto di commentare la frase di Lucano “intercettata” nell’ordinanza del gip di Locri, e che il nostro giornale ha più volte evidenziato, quel 《Minniti è una brutta persona》 che Lucano si lascia scappare parlando al telefono con una immigrata che vuol convincere a sposarsi per finta. 《Non commento mai le frasi degli altri rivolte a me e non polemizzo mai, sono fatto così – ha detto Minniti -. Si sa che quando si governa c’è chi ti applaude e chi ti critica》. E sempre a proposito di Riace e dall’ispezione ministeriale che poi ha messo nei guai il sistema e Lucano stesso Minniti ha detto 《che sì, è ricaduta sotto il mio governo ma non l’ho decisa io, me l’ha chiesta l’Anci, l’associazione nazionale dei Comuni. Sono stati loro, i sindaci, a sollecitare una ispezione a Riace》. Inevitabile poi il passaggio sulla possibile candidatura alla segreteria nazionale del Pd. 《Mi rendo conto che il tempo stringe, ma ancora non ho deciso e lo farò tra qualche giorno》 ha detto Minniti. 《Confermo però che intendo candidarmi se la mia sarà corsa per unire e non per dividere il Pd che non vuol dire candidatura unitaria. Vuol dire non contribuire a danneggiare un partito troppo importante per il Paese》. 《Vuole essere il candidato renziano contro Zingaretti?》 gli chiede Giannini. 《Guardi – risponde Minniti – la mia è una storia datata negli anni. Ho avuto ruoli di governo già negli anni Novanta e ho militato in tutte le sigle del principale partito della sinistra. In più, le aggiungo, non ho mai fatto parte degli adulatori. Mi sembra sufficiente per dirle che Minniti è Minniti e non sarà mai sotto la sigla di nessuno》…I.T.