Sanità, Sapia: referente infermieri 118 Cosenza incompatibile

 Il deputato del M5s Francesco Sapia, della commissione Sanita’, torna con una richiesta formale sulla gestione dell’Asp di Cosenza, stavolta a proposito dell’incarico di referente degli infermieri del Suem 118 svolto da Mario Fusaro, che e’ anche presidente del Consiglio comunale di Acri   e tra gli eletti nella rappresentanza sindacale unitaria della stessa Asp.

“Il parlamentare 5stelle – si legge in una nota – ha scritto al direttore generale dell’Asp di Cosenza, Raffaele Mauro, al responsabile aziendale dell’Anticorruzione, Francesco Laviola, e all’omologo del Comune di Acri, cioe’ il segretario generale dell’ente, Cosimo Straface. Pur non essendo prevista – e’ precisato nella missiva – tale figura del referente nell’ordinamento legislativo e contrattuale che regola i rapporti in ambito del Servizio sanitario nazionale, e’ chiaro, in ogni caso, che il dipendente in oggetto, sottoscrivendo i turni di servizio del personale afferente al Suem 118, esercita di fatto una funzione apicale e sovraordinata. Sotto tale profilo, si sostanzia nel caso di specie l’incompatibilita’ di cui agli articoli 11 e 12 del decreto legislativo in materia di anticorruzione.

Difatti, gli articoli in menzione introducono una incompatibilita’ generale riservata ai soli uffici apicali dell’amministrazione, lasciando del tutto immutato il regime ex articolo 53 del Testo unico sul pubblico impiego”. Pertanto il deputato 5stelle ha chiesto “di ricevere copia dell’atto di conferimento dell’incarico di cui si tratta” e invitato i destinatari della sua missiva “all’attivazione delle verifiche di competenza in ordine al ruolo effettivamente svolto in seno all’Asp di Cosenza dall’inteso dipendente, in rapporto alla concomitante presidenza del Consiglio comunale di Acri, ad oggi in capo al medesimo”, pure sindacalista della rsu aziendale. Cosi’ Sapia ha responsabilizzato Mauro, Laviola e Straface, sul principio che “nessuno, tanto piu’ nel settore pubblico, puo’ stare con un piede in tre scarpe”.