Gierre Srl, Uiltrasporti Calabria: posti di lavoro a rischio per l’ostinazione di alcuni

Carlo Forlano, Uil Trasporti Calabria

La Uil Trasporti Calabria esprime viva preoccupazione per l’andamento della vertenza legata agli esuberi tra gli addetti occupati nei servizi ferroviari in appalto di pulizia treni, stazioni e servizi accessori, di ristorazione e pulizia a bordo treno e di accompagnamento notte. In particolare, la Uil Trasporti Calabria solleva il caso dell’azienda Gierre srl servizi di pulizia e decoro delle stazioni ferroviarie lotto due Calabria. Nelle scorse settimane, dopo diverse riunioni e incontri, tra cui due presso l’assessorato al Lavoro, le organizzazioni sindacali e la società erano arrivate a siglare un importante accordo sindacale per i lavoratori. Scongiurato il licenziamento collettivo, la società Gierre srl e i sindacati il 3 ottobre scorso, alla luce dell’esaurimento degli ammortizzatori sociali che consentivano l’applicazione del contratto di solidarietà, hanno concordato di mantenere attive le posizioni di tutti i lavoratori fino al 28 febbraio 2019. Ai lavoratori sarebbe stato riconosciuto un lavoro full time, per garantire a tutti lo stesso monte salariale 16 ore sarebbero state fatte valere sul contratto di solidarietà e le restati 22 ore, sarebbero state “coperte” con parte delle ferie maturate non godute, quote di Tfr, 13esima e 14esima mensilità. Arrivati al momento di validare l’accordo, ovvero prendere visione del documento che i singoli lavoratori avrebbero dovuto presentare all’azienda per autorizzarla all’anticipazione di alcuni istituti contrattuali, solo Uil trasporti Calabria, Ugl, Fast Mobilità e Cub hanno firmato, mentre le altre organizzazioni sindacali si sono defilate dall’accordo rimandando il tutto all’approvazione del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119 che sancisce di fatti una proroga degli ammortizzatori sociali. La Uil Trasporti Calabria, nello stigmatizzare l’atteggiamento portato in essere da parte dei sindacati, precisa che, come è noto, il Decreto Legge n°119 del 23 ottobre è ancora sulla carta e prima di essere convertito in legge passerà del tempo e che l’accordo stipulato con la Gierre srl non esclude in alcun modo l’applicazione della futura legge, anzi consente ai lavoratori di essere in servizio fino a fine febbraio, data in cui, con molta probabilità le organizzazioni sindacali potranno far valere e dunque applicare la nuova legge. “Il rischio della non condivisione dell’accordo – precisa Carlo Forlano della Uil Trasporti Calabria – potrebbe avere esiti negativi per quei lavoratori che, in mancanza di firma, si troveranno con una variazione contrattuale”.

L’attività di Uil Trasporti Calabria, Ugl Fast Mobilità e Cub, è sempre stata protesa a tutelare i diritti dei lavoratori, affinché non si perdesse un’ora di lavoro e tanto meno il diritto al salario. La Uil Trasporti Calabria invita responsabilmente tutti i lavoratori, anche i non iscritti al sindacato, di valutare positivamente la sottoscrizione della delega alla Gierre srl per l’anticipazione degli istituti contrattuali. I non aderenti potrebbero incorrere nell’attivazione delle procedure della legge 223/91. A quel punto aspettare la conversione del decreto legge in legge potrebbe rivelarsi del tutto inutile.