《Ma siamo sicuri che l’acqua del Menta sarà buona?》

I deputati Cinquestelle Parentela e D'Ippolito: a poca distanza dalla diga il gestore vuole bonificare e smaltire pericolosi inquinanti

«A soli tre giorni dall’inaugurazione della diga del Menta, sita nel Parco nazionale del Pollino e oggetto di lunghi lavori per consentire una buona fornitura d’acqua a Reggio Calabria, il gestore Sorical ha trasmesso alla Regione il progetto di bonifica tramite procedura semplificata di una vicina discarica abusiva che conterrebbe pericolosi inquinanti ed è posta addirittura su una penisola di terra che sovrasta l’invaso».

Lo affermano, in una nota, i deputati M5s Paolo Parentela, della commissione Agricoltura, e Giuseppe d’Ippolito, della commissione Ambiente. «La circostanza – proseguono i parlamentari 5stelle – non ci lascia per niente tranquilli ed è necessario che il governatore regionale Mario Oliverio dia nell’immediato chiarimenti puntuali in prima persona, lasciando a casa propria la retorica e la sicumera».

«Non vorremmo – sottolineano i parlamentari – che la fretta di inaugurare l’impianto del Menta per sete di consenso elettorale possa determinare valutazioni e azioni poco approfondite. È interesse di tutti sapere come stiano esattamente le cose, per questo attendiamo ogni elemento del caso da Oliverio, fermo restando che segnaleremo questa strana vicenda al ministro dell’Ambiente, Sergio Costa». «Il presidente della Regione – concludono Parentela e D’Ippolito – pubblichi subito gli atti completi sul portale istituzionale dell’ente e spieghi in dettaglio ai cittadini».