Morte donna dopo parto a Vibo, interrogazione M5S a Grillo

Francesco Sapia e Dalila Nesci

I deputati del M5s Francesco Sapia e Dalila Nesci, entrambi della commissione Sanita’, hanno interrogato il ministro della Salute, Giulia Grillo, per sapere “di quali precise informazioni disponga in relazione agli esiti degli accertamenti disposti dal predecessore Beatrice Lorenzin a seguito del decesso dopo il parto della signora Tiziana Lombardo, se li reputi esaustivi e se non ritenga di doverne disporre di ulteriori, anche per accertare le attuali condizioni di sicurezza del Punto nascita vibonese”.
L’atto parlamentare segue i recenti esposti dei due deputati 5 stelle sugli ultimi concorsi dell’Asp di Vibo Valentia: per il primario di Ginecologia-Ostetricia e per quello di Pediatria, per il responsabile del Distretto unico sanitario e per il responsabile dell’area Provveditorato, Economato e Gestione logistica della stessa azienda, con cui i due parlamentari hanno chiesto alla magistratura l’accertamento dei fatti e di eventuali reati. Nell’odierno atto sulla morte della signora Lombardo, i parlamentari 5stelle hanno ricordato che, con un’interrogazione del 30 aprile 2015, Nesci “aveva gia’ posto, ricordando la carenza di personale nel Punto nascita dell’ospedale di Vibo Valentia, la questione relativa al reale livello di sicurezza di tutte le strutture in cui si puo’ partorire in Calabria, chiedendone la verifica per il tramite del commissario” Massimo Scura. I due deputati hanno poi evidenziato al ministro Grillo che, in ordine al Punto nascita dell’ospedale di Vibo Valentia, nell’autunno scorso Nesci aveva “formalmente chiesto al direttore generale del dipartimento della Regione Calabria Tutela della Salute di attivare la commissione aziendale di controllo e all’Ispettorato del Lavoro di verificare se in quel reparto fosse rispettata la normativa sui turni e i riposi obbligatori”.