Doppia preferenza di genere, Magorno (Pd): andiamo fino in fondo

“La promozione delle pari opportunità e la tutela dei diritti delle donne si nutre di un sano pragmatismo istituzionale, per cui esprimo il mio sostegno all’intraprendenza e alla determinazione dell’ampio movimento femminile che si sta battendo per la riforma della legge elettorale regionale, certo della piena adesione del presidente della Regione, Mario Oliverio, che oggi ha voluto incontrare le prime firmatarie della petizione popolare, finalizzata al pronto inserimento della doppia preferenza nella legge elettorale”. La doppia preferenza di genere incassa il sostegno del senatore Pd Ernesto Magorno.

Oggi all’appuntamento – spiega il senatore – vi erano non solo le massime istituzioni regionali nel campo della parità ma un intero mondo politico che, senza divisioni e pur con estrazioni diverse, da tempo ormai porta avanti una meritoria campagna di sensibilizzazione sui temi della diversità e del riequilibrio fra i generi, a partire dall’ambito istituzionale ma che abbraccia l’intero nostro vissuto”.

“Sono convinto che – dice  Magorno  – questa battaglia culturale vada portata fino in fondo, ecco perché ho firmato la petizione: il valore dell’universo femminile deve trovare un pieno diritto di cittadinanza nelle istituzioni, tanto più che la legge nazionale sulla doppia preferenza innesta un generale processo migliorativo nella selezione delle candidature, radicato sui principi della qualità e del merito”.

“Il mio augurio è che – conclude il senatore Pd –  tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale accolgano la riforma della legge elettorale come un momento qualificante del proprio mandato e, per quel che sono il mio ruolo e le mie funzioni, mi adopererò per fare in modo che questo obiettivo venga centrato”.