Turismo, la minoranza: continuiamo a farci male

I consiglieri comunali Giancarlo Pellegrino, Olinda Suriano e Alessio Furgiuele, del gruppo Insieme si può, hanno inviato una lettera al sindaco

Giancarlo Pellegrino

Belmonte Calabro – I consiglieri comunali Giancarlo Pellegrino, Olinda Suriano e Alessio Furgiuele, appartenenti al gruppo “Insieme si può”, minoranza consiliare del Comune di Belmonte Calabro, hanno inviato una lettera al sindaco della città, Francesco Bruno, focalizzando l’attenzione sulla mancanza di una efficace programmazione per rilanciare il territorio dal punto di vista turistico. “Continuiamo a farci del male! Tutti possono parlare di turismo – si legge, pertanto, in questa lettera – Tutti possono parlare di turismo, magari immaginando grandi progetti in grado di valorizzare il nostro territorio e dare slancio a un’economia locale che da anni si sente ripetere, da chi li rappresenta, che il futuro è nel turismo e che su questo bisogna puntare. Insomma, con le parole e con i propositi siamo tutti bravi a propinare ricette per rilanciare il nostro territorio. Poi volgi lo sguardo altrove e, passeggiando sul lungomare, non puoi fare a meno di notare la perenne noncuranza e la totale assenza di pulizia. Il lungomare, caro sindaco, è il nostro biglietto da visita, è il luogo di incontro per molte famiglie belmontesi che decidono, con le giornate miti di questo periodo, di fare una passeggiata all’aria aperta e godere dei nostri meravigliosi tramonti e ad oggi continuiamo a presentare soltanto incuria e degrado!”. Secondo i tre consiglieri, inoltre, “Questo atteggiamento continua a impoverire un paesaggio unico e rischia di trasformare l’incuria in una prassi comune. Caro sindaco, la gente vive di esempi e l’amministrazione deve essere da esempio per poter pretendere senso civico e buone pratiche da parte di cittadini e turisti. Se non si mette mano all’ordinaria amministrazione e alla pulizia del territorio, qualsiasi idea rischia di rimanere lettera morta su uno dei tanti libri dei sogni”. Concludendo la missiva, pertanto, i consiglieri Giancarlo Pellegrino, Olinda Suriano e Alessio Furgiuele, inviano un messaggio chiaro al primo cittadino: “Caro sindaco, invece di preoccuparci di investire in lavori pubblici improbabili e oggettivamente inutili, impegnando risorse comunali, peggio di qualsiasi teatro dell’assurdo,(si ved, ad esempio la sede della Protezione civile costruita su una zona in frana), dovremmo concentrare tutte le nostre energie in atti di ordinaria amministrazione, come la pulizia e il decoro del nostro meraviglioso bordo e dei luoghi pubblici. Cosa ne pensa ? Non è poi così difficile!. In alternativa, come direbbe Nanni Moretti: ”Continuiamo a farci del male!“.

CLELIA ROVALE