Regione Calabria, spuntano fuori altri tre vitalizi

Si tratta degli ex consiglieri regionali Demetrio Battaglia, Doris Lo Moro e della vedova di Mariano Rende come vitalizio reversibile

Sull’ultimo Burc (Bollettino ufficiale della Regione Calabria) pubblicato oggi si leggono tre determine riguardanti altrettanti vitalizi che si andranno a sommare a quelli già esistenti. Si tratta degli ex consiglieri regionali Demetrio Battaglia, Doris Lo Moro e della vedova di Mariano Rende come vitalizio reversibile. Sembrano cadere, dunque nel vuoto, le proposte del consigliere regionale Giuseppe Giudiceandrea. 

VITALIZI ECCO QUANTO INCASSERANNO

Si legge sul Burc:

“Per quanto in premessa evidenziato, che qui si intende integralmente riportato ed accolto:  di liquidare e corrispondere alla sig.ra Rita Petrone, vedova del sig. Rende Mariano, il vitalizio di reversibilità a decorrere dal 01/02/2018 quantificato in € 2.818,71 mensili lordi;  di imputare la spesa alla Missione 01 Programma 01 Titolo 01 Capitolo 15051 Articolo 51 – P.D.C. 1.04.02.02.999 del bilancio 2018-2020 del Consiglio regionale, con scadenza nell’esercizio 2018, che ne presenta la necessaria disponibilità”.

“Per quanto in premessa evidenziato, che qui si intende integralmente riportato ed accolto: 1. di liquidare alla sen. Doris Lo Moro l’assegno mensile dell’ importo di € 3.745,16 al lordo delle ritenute di legge, a titolo di vitalizio maturato per il mandato di Consigliere regionale svolto nell’ VIII legislatura, con decorrenza dal 1 aprile 2018; 2. di imputare la spesa alla Missione 01 Programma 01 Titolo 01 Capitolo 15050 Articolo 50 – P.d.C: 1.04.02.01.001 del bilancio del Consiglio Regionale, che ne presenta la necessaria disponibilità”.

“Per quanto in premessa evidenziato, che qui si intende integralmente riportato ed accolto: 1. di liquidare all’avv. Battaglia l’assegno mensile dell’importo di € 3.370,65 al lordo delle ritenute di legge, a titolo di vitalizio maturato per il mandato di Consigliere regionale svolto nell’ VIII e nella IX legislatura, con decorrenza dal 1 aprile 2018; 2. di imputare la spesa alla Missione 01 Programma 01 Titolo 01 Capitolo 15050 Articolo 50 – P.d.C: 1.04.02.01.001 del bilancio del Consiglio Regionale, che ne presenta la necessaria disponibilità”.

UN CONSIGLIERE VERSA 400 EURO ALL’EX MOGLIE

Un quarto ex consigliere regionale calabrese percettore di vitalizio ha dovuto “cedere” 400 euro al mese alla ex moglie come assegno per il divorzio. Si legge infatti sempre sul Burc: “Di dare esecuzione alla sentenza n. 4/2018 della Corte d’Appello di Catanzaro,  con la quale, in accoglimento parziale del ricorso presentato dal sig…omissis…ex Consigliere regionale della Calabria, pone a carico di….omissis….l’obbligo di versare a favore dell’ex coniuge, a titolo di assegno di divorzio, la somma mensile di euro 400,00; di autorizzare l’ufficio trattamento economico degli Ex Consiglieri regionali a procedere alla trattenuta mensile di euro 400,00 sull’assegno vitalizio dell’ex Consigliere regionale matr. 4104, a decorrere dal mese di marzo 2018”.

 

i.t.