“Mi hanno escluso perché hanno avuto paura di me”

Ugo Morelli ,candidato alle regionarie per il M5S, si rivolge alla Procura

< La mia esclusione è certamente illegale, poiché avevo il diritto di legge, garantito dall'art.51 Costituzione, e Statuto partito, di concorrere nella votazione. Mi hanno ammesso a votare, però hanno vietato agli iscritti di potermi votare. Sono stato escluso, in quanto sono da anni su posizioni critiche sulla organizzazione e gestione del m5s, a livello nazionale e locale. Ho sempre contestato la concezione padronale e antidemocratica del m5s. Da notare che il lunedi 2 dicembre us era stata accettata la mia candidatura, e difatti mi avevano chiesto i certificati penali aggiornati,che ho consegnato. Da notare ancora che,in precedenza, ero stato pure escluso dalle primarie online di gennaio 2018 per il Parlamento nazionale, per cui avevo fatto Causa civile a Cosenza e Roma. Il Tribunale di Roma, nella motivazione della sentenza mi ha dato ragione, però non ha fatto mio inserimento in lista candidati, in quanto era scaduto il termine di 31.1.2018, dicendo che potevo agire solo per risarcimento danni. Sono stato ammesso a concorrere nella votazione online per elezioni europee scorse, però per errore mi avevano messo nel collegio del Lazio. Adesso perché questa nuova esclusione ? Perché ben sapevano che avrei vinto nella votazione online, e che perché hanno invidia e paura del mio cv eccellente, tra i migliori di Italia, tra gli iscritti al m5s non vi è un cv migliore di Morelli, che è lo specchio della loro incapacità politica e professionale. Mi hanno voluto tagliare le gambe e le ali della mia affermazione politica in Calabria, perchè avrebbe provocato effetti devastanti nella gestione padronale e antidemocratica del m5s. Adesso non mi arrendo, sono determinato di andare avanti. La questione della violazione dei miei diritti di legge la porterò subito alla Procura Repubblica. Al Tribunale civile chiederò, a breve, di annullare la votazione online, e sua ripetizione urgente con Morelli nella lista degli aspiranti candidati da scegliere, oppure di essere inserito direttamente nella lista ufficiale dei Candidati alla Regione Calabria. Per ripristinare i miei diritti di legge di cittadino sarà necessario rinviare le votazioni per Regione Calabria. Per la scelta del candidato a Presidente della Regione sarà necessario indire una votazione online, con facoltà per ogni iscritto di presentare la propria autocandidatura. Per quanto riguarda la convalida online del candidato Aiello, è evidente che avere avuto soltanto 1'150 SI e 1'017 NO è una sua sconfitta politica, come può fare il candidato a Presidente con soli 133 voti in più. Bisogna osservare che nella votazione pubblica gli elettori del m5s è probabile che la penseranno diversamente, che i 1150 SI non avranno un riscontro coerente e reale nelle votazioni. Avevo proposto di fare le primarie pubbliche su strada per la scelta del candidato a Presidente del m5s. Sulla polemica aperta dal Sen.Nicola Morra, che ha dichiarato non idonea la candidatura di Aiello per m5s a Presidente - Morelli ha osservato- il problema principale è quello che Aiello non poteva concorrere a candidato per m5s,perché non in possesso dei requisiti soggettivi di statuto del partito, non era iscritto al partito, e da almeno sei mesi, inoltre anche il candidato a Presidente doveva essere scelto dagli iscritti con primarie online, su una lista di aspiranti, iscritti al m5s >.