Dl sicurezza, Vono (M5S): “Necessita’ non differibile”

 “La regolamentazione dei flussi migratori e’ una necessita’ non piu’ differibile ed e’ necessario decidere insieme per ripristinare uno stato civile di sicurezza. Urge ristabilire la possibilita’ di circolare serenamente perche’ un Paese poco sicuro non puo’ definirsi veramente democratico”. Lo afferma la senatrice Silvia Vono (M5S), in merito al decreto Sicurezza. “In una societa’ pluralistica – afferma – e in continua evoluzione, lo Stato deve dettare le regole che garantiscano alle condizioni attuali, il “vivere civile”.

Non si puo’ consentire la permanenza di zone territoriali fuori dal controllo delle istituzioni in cui si comincia con un eccesso di tolleranza e si finisce col rendere interi quartieri off-limits al resto della popolazione. Il testo che votiamo disciplina situazioni gravi di irregolarita’ e illegittimita’ per consentire migliori e uguali condizioni di accesso ai vantaggi e alle tutele predisposti dalla Costituzione e dalle leggi ad ogni cittadino. Vogliamo raccogliere la sfida di mantenere fermi, accanto alle regole politiche e di diritto, quei “valori non negoziabili”: la difesa degli ultimi, il rispetto dei diritti fondamentali e la crescita della liberta’ umana. La nostra sfida – continua – passa per un rapporto solidale ma civile e giusto con tutti e verso tutti, passa per l’applicazione delle norme volte a garantire un lavoro onesto e dignitoso ad ogni cittadino o ospite nel nostro Paese e per una vera integrazione che non puo’ piu’ tollerare ghetti cittadini o baraccopoli di lavoratori sottopagati e sfruttati. La nostra sfida e’ di attuare il contenuto degli artt.1 e 3 della nostra costituzione per poter vivere in un paese fondato sul lavoro e non sui privilegi, in cui tutti siamo titolari dei medesimi diritti e doveri, un paese dal volto umano in cui in virtu’ della certezza del diritto e della certezza della pena, sia finalmente normale agire nella legalita’”. (