La rivoluzione rosa scende in Calabria

“Innovazione: e la Calabria?” è il titolo dell’incontro promosso dalla Fondazione Marisa Bellisario e dalla sua Responsabile per la Calabria Filomena Greco in programma sabato 2 dicembre, a partire dalle 9:30, nella Sala degli Specchi della Provincia di Cosenza.

La Fondazione nasce nel 1989 da un’idea di Lella Golfo, giornalista pubblicista, che rimase colpita dalla figura di Marisa Bellisario, allora Amministratore Delegato dell’Italtel e prima manager di successo che il nostro Paese ricordi, nell’89, a un anno dalla sua scomparsa, decide di dar vita a un Premio in sua memoria. Nasce così il Premio Marisa Bellisario che nel corso di ventisette anni ha riconosciuto e valorizzato il valore d’imprenditrici, manager e professioniste, ma anche donne impegnate nella conquista dei diritti umani e civili.

La Fondazione ambisce a valorizzare le professionalità femminili che operano nel pubblico e nel privato e promuove una cultura di genere attenta alla parità in un dialogo aperto alle diverse istanze della nostra società.

L’obiettivo principale è quello di richiamare costantemente l’attenzione del mondo politico, delle Istituzioni, dell’imprenditoria e del mondo del lavoro su idee e progetti innovativi, per promuovere e sostenere l’affermazione delle professionalità femminili in ambito nazionale ed internazionale.

Impegno sociale, nuove tecnologie, comunicazione, economia e finanza, responsabilità sociale d’impresa sono gli argomenti trattati negli studi e nelle ricerche. A tal proposito è stato organizzato l’incontro “Innovazione: e la Calabria?” perché come dichiara Lella Golfo : “Le donne e il Sud hanno in sé le caratteristiche e le potenzialità per diventare protagonisti del cambiamento epocale cui stiamo assistendo. Per questo, abbiamo riunito nella mia Calabria donne, professioniste e imprenditrici che ogni giorno la- vorano con e per l’innovazione. Con loro, parleremo degli scenari futuri per capire come la Calabria e le donne possano consigliere le immense opportunità di crescita offerte dall’innovazione». Chi saranno le protagoniste rivoluzionarie del convegno?