Berardi, Sorrentino, Forciniti, le eccellenze internazionali dello sport calabrese

La Calabria è sempre stata una terra particolarmente ricca per quanto riguarda i talenti lanciati nello sport. Uno dei campioni più conosciuti originari di queste zone è indubbiamente il calciatore Domenico Berardi. Il forte calciatore che milita attualmente con il Sassuolo, in Serie A, e ha già vestito la maglia della Nazionale, oltre ad aver fatto tutta la trafila con le varie rappresentative giovanili italiane, è nato a Cariati, piccolo comune in provincia di Cosenza, in Calabria.
Berardi venne scoperto quasi per caso, merito di un provino che gli fece il Sassuolo mentre era impegnato nel campionato di calcio a 5: così, da Cosenza, Domenico finisce nell’Emilia: a 18 anni il suo esordio in Serie B, mentre il debutto in Serie A avviene il 25 settembre 2013 a Napoli e il primo gol è al Parma, il 6 ottobre successivo. Il debutto con la Nazionale, invece, avviene con il nuovo CT Roberto Mancini, che lo inserisce nell’amichevole contro la Francia del 1 giugno dello scorso anno disputata a Nizza. Nel 2014 Berardi veniva ritenuto da tantissimi addetti ai lavori come uno dei prospetti più promettenti, non solamente in Italia, ma in tutta Europa. La sua prima parte di carriera, però, non ha rispecchiato le attese e la discontinuità è stata il suo vero tallone d’Achille.

Source: PokerNews

Per un campione che tenta di affermarsi ad alti livelli e aspetta la chiamata di una big ad un altro che, al contrario, i grandi risultati li ha già raggiunti eccome. E, naturalmente, si tratta sempre di un calabrese. Stiamo parlando di Raffaele Sorrentino, star del mondo del poker, a cui sono stati sufficienti solamente sei anni da professionista per trovare spazio nella storia del poker italiano, visto che è diventato l’undicesimo giocatore più vincente di sempre. Il 38enne calabrese è stato il primo, nonché unico, player italiano a portarsi a casa un Main Event PSC e, per l’ennesima volta, ha confermato come il suo grandissimo talento splenda in modo eguale sia nei tornei online che nelle competizioni live.

Una parabola, quella di Sorrentino, molto simile a quella di Ramon Colillas, recente vincitore del PSPC delle Bahamas. Entrambi partiti dall’online, i due campioni sono arrivati a delle vittorie che in pochi, probabilmente, avrebbero previsto pochi mesi prima. La carriera di Sorrentino parte nel 2012, quando comincia a farsi notare sulla scena pokeristica, ma in realtà è l’anno dopo quello in cui comincia veramente a far parlare di sé, con un secondo posto ad un evento Turbo dell’EPT Barcellona, portandosi a casa ben 33 mila euro. Il 2014 è indubbiamente l’anno che lo spinge di più a concentrarsi sulle competizioni dal vivo, con tanti piazzamenti di spessore.
Un anno dopo ancora risultati importanti all’EPT Grand Final di Monte Carlo e nel 2016 un poker di ITM all’EPT di Barcellona, con il primo colpaccio, visto che Raffaele vince 102 mila euro in un evento Turbo. Nel 2017 arrivano piazzamenti importanti al PSC di Panama e poi la grande vittoria da oltre 466 mila euro a Monte Carlo.
Da Cosenza arriva anche un’altra grande protagonista sportiva calabrese: si tratta di Rosalba Forciniti, che ha scoperto il judo da giovane e da lì è scattato “l’amore”. E da questa passione sono nati tanti risultati importantissimi. Il primo obiettivo centrato è stato il campionato italiano cadetti e, una volta terminato il percorso (vincente) nella categoria juniores, ecco che cominciano a fioccare i grandi risultati sia agli Europei che ai Giochi Olimpici. Proprio alle Olimpiadi di Londra, nel 2012, riesce a mettere le mani sulla medaglia di bronzo, diventando la prima donna calabrese a poter vantare una medaglia olimpica nel palmarès.

La grande carriera di Rosalba ha riservato ulteriori soddisfazioni: sempre nel judo, con la vittoria della medaglia di argento ai Giochi del Mediterraneo di Pescara 2009, ma anche nella vita, con ben due gravidanze. Eppure, la Forciniti ha dimostrato una grande tempra e forza di volontà ferrea nel voler tornare a mettersi in gioco, riprendendo dallo scorso anno la sua carriera da judoka.