Successo per la VII edizione del “Certamen latinum citrariense – Premio “Ennio Losardo”,

     Si è concluso sabato, 19 maggio, l’ormai tradizionale appuntamento con il Certamen Latinum Citrariense – Premio “Ennio Losardo”, organizzato dall’Istituto d’Istruzione superiore “Silvio Lopiano”, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Cetraro e con il patrocinio dell’assessorato alla Pubblica istruzione della Regione Calabria, per ricordare la figura umana, professionale e culturale del professor Ennio Losardo, stimato latinista, prematuramente scomparso sette anni fa. Il Certamen, giunto alla settima edizione, è stato anche quest’anno caratterizzato da una apprezzata rappresentazione teatrale, che ha avuto come protagonisti gli stessi studenti dell’istituto cetrarese, che venerdì sera, nel Teatro comunale “Filippo Lanza” di Cetraro, hanno presentato “Alcesti”, riduzione e adattamento dall’ “Alcesti” di Euripide, nell’ambito di un progetto curato dalle docenti Vilma Gallo e Aurora Logullo, con scenografia del professore Agostino Zicca.

Il Certamen ha preso il via venerdì mattina, con i saluti del dirigente scolastico Graziano Di Pasqua, a cui hanno fatto seguito tre seminari di approfondimento: il primo, sul tema “I Normanni in Calabria: normanno versus latino”, tenuto da John Trumper, docente presso l’Unical; il secondo, sul tema “Poeti che traducono poeti. Il caso di Catullo e Saffo”, tenuto da Rossella Morrone, anche lei docente presso l’Unical; il terzo, sul tema “ Orazio in orbace nero: usi e abusi per un bimillenario”, tenuto da Federica Sconza, docente presso l’IIS di Praia a Mare. Sabato mattina, invece, dopo i saluti del dirigente scolastico, Graziano Di Pasqua, sono intervenuti il sindaco di Cetraro, Angelo Aita, don Luigi Gazzaneo, parroco della chiesa di San Pietro Apostolo di Cetraro, nonché archivista diocesano, in sostituzione del vescovo della Diocesi di San Marco-Argentano-Scalea, monsignor Leonardo Bonanno, il consigliere regionale Giuseppe Aieta, ideatore del Certamen, legato da profonda amicizia al compianto professore Ennio Losardo, e l’ex assessore regionale Federica Roccisano, che, a suo tempo, istituzionalizzò l’evento. A seguire, la lectio magistralis di Martina Elice, docente presso l’Università di Padova, sul tema “Livius noster e il grande racconto di Roma antica”. A conclusione della giornata, sono stati premiati i vincitori del Certamen. A proposito della figura del professore Ennio Losardo, a cui il premio è dedicato, il consigliere regionale Giuseppe Aieta, ha commentato: “Sono sette anni che lo ricordiamo così, con iniziative di qualità e attraverso gli studenti, unica vera sua passione. Un sentito ringraziamento al dirigente scolastico, Graziano Di Pasqua, ai docenti, agli studenti, al sindaco e all’Amministrazione comunale. Senza dimenticare, perché non siamo degli ingrati, Federica Roccisano, che in qualità di assessore regionale alla P.I. inserì il Certamen nella programmazione regionale”.

CLELIA ROVALE

                                                                                                         CLE. RO.