Autobomba di Limbadi, chieste quattro condanne in appello

La Procura generale di Catanzaro ha chiesto quattro condanne nel processo di secondo grado che ruota attorno all’autobomba di Limbadi, nel Vibonese – costata la vita il 9 ottobre 2018 – al biologo Matteo Vinci. La conferma della condanna all’ergastolo è stata chiesta per Rosaria Mancuso, 66 anni, di Limbadi, e per il genero Vito Barbara, 30 anni, ritenuti i mandanti dell’attentato. Per il marito della Mancuso – Domenico Di Grillo, di 74 anni – la Procura generale ha chiesto la condanna a 22 anni di reclusione (10 anni in primo grado), mentre per Lucia Di Grillo, 32 anni (figlia di Rosaria Mancuso e Domenico Di Grillo) sono stati chiesti 14 anni di reclusione (in primo grado è stata condanna a 3 anni e 6 mesi). Tra le accuse, oltre all’attentato costato la vita a Matteo Vinci ed il ferimento del padre Francesco Vinci, anche la detenzione illegale di armi e una tentata estorsione sui terreni contesi dai Mancuso-Di Grillo e la famiglia Vinci-Scarpulla, quest’ultima parte civile nel processo.