Traffico di marijuana e cocaina a Lamezia, sgominata banda dello spaccio: 14 arresti

Arrestati in flagranza di reato di 6 soggetti, sequestrati 14 kg di marijuana e cocaina, e oltre 25mila euro in contanti

Nella mattinata odierna, 6.2.2024, i Carabinieri del Gruppo di Lamezia Terme, e supportati in fase esecutiva da quelli dei Comandi territorialmente competenti, dai Carabinieri Cacciatori “Calabria” e del Nucleo Cinofili di Vibo Valentia, hanno dato esecuzione all’ordinanze di misura cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catanzaro su richiesta della Procura della Repubblica Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, nei confronti di 14 soggetti, sula base della ritenuta sussistenza della gravità indiziaria in ordine ai delitti di “associazione finalizzata al traffico di stupefacenti” e “detenzione e cessione di sostanze stupefacenti del tipo marijuana e cocaina”.In particolare, degli 14 indagati, n. 4 sono raggiunti dalla misura di custodia cautelare in carcere, n. 10 sono destinatari della misura degli arresti domiciliari. Gli elementi indiziari acquisti hanno consentito di delineare (nella fase delle indagini preliminari che necessita della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa) un presunto sodalizio dedito alla coltivazione di marijuana, e al traffico di stupefacenti, del tipo di marijuana e cocaina, con la relativa struttura mediante ripartizione dei compiti secondo un preciso schema gerarchizzato, operante nei territori di Curinga, Lamezia Terme, Pianopoli, Serrastretta e Feroleto Antico.L’indagine, delegata dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Lamezia Terme e dal Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Girifalco, si è sviluppata attraverso complesse e articolate attività tecniche e di tipo tradizionale, tra cui servizi di osservazione, pedinamenti e riscontri “sul campo”, che hanno consentito di procedere all’arresto in flagranza di reato di 6 soggetti, al sequestro di oltre 14 kg di marijuana, nonché cocaina, oltre 25.000,00 Euro in contanti, macchinari per il confezionamento sottovuoto, bilance ad alta precisione e scanner per la rilevazione di microspie. Il procedimento per le ipotesi di reato è attualmente nella fase delle indagini preliminari.