Sanità: corretto il budget per i privati, Sant’Anna perde quasi 4 milioni

Dopo i ricorsi al Tar è stato rivisto il criterio in un nuovo Dca. La clinica di Catanzaro perde 3,9 milioni per calo di prestazioni che in gran parte sono andati distribuiti nel Cosentino

Il commissario ad acta Roberto Occhiuto ha firmato un nuovo decreto con cui viene modificata la distribuzione del budget fra le cliniche private. La “correzione” rriva dopo un paio di ricorsi al Tar che avevano sospeso il termine per la sottoscrizione dei contratti e il successivo impegno della struttura commissariale di rivedere alcuni criteri. Cosa che è effettivamente avvenuta con tanto di verbale sottoscritto dai rappresentanti delle associazioni di categoria.
Ferma restando la previsione di tetto di spesa globale di poco più di 184 milioni di euro all’anno per l’assistenza ospedaliera privata, la principale novità riguarda il Sant’Anna Hospital.
Nel nuovo decreto si prende atto di una decisa contrazione della produzione registrata l’anno scorso.  Nel documento si legge che la struttura 《ha presentato una produzione pari a circa 4 milioni di euro e con mail del 23/11/2022 l’ASP di Catanzaro ha comunicato che anche il trend dell’annualità 2022 presenta il medesimo andamento》.
Questo ha portato la Regione a decurtare, rispetto alla precedente versione, circa 3,9 milioni al Sant’Anna somma che in buona misura viene poi “girata” a case di cura del Cosentino. Per la prima volta dopo tanti anni, la clinica catanzarese (impelagata fra vicende giudiziarie e nuovo Consiglio di Amministrazione) non è più la struttura con il più elevato budget della sanità calabrese. Passa da circa 17,5 a 13,7 milioni. Tre milioni e seicento mila euro sono spalmati nel Cosentino fra la Casa di Cura Cascini ( che sale a circa 7,4 milioni), la Tricarico Rosano (che passa a circa 14,4), Ospedali Riuniti Madonna della Catena (che sale a 8,8 milioni), Ospedali Riuniti ex la Madonnina (che passa a circa 5,7 milioni), Ospedali Riuniti ex Sacro Cuore  (che arriva a quasi 4,2 milioni) e Medical Hotel Arena (che arriva a 2 milioni e 180 mila euro). Cresce infine di circa 350 mila il budget dell’Istituto Sant’Anna del Crotonese che arriva a poco meno di 14,3 milioni euro.
Il decreto fissa al 16 dicembre la data per la sottoscrizione degli accordi fra le varie Asp e le strutture private.