Tentata estorsione, arrestato 38enne vibonese

La minaccia all'imprenditore: "Se non vi fornisco il materiale, allora vi dovete mettere a posto, non sapete come funziona a Soriano?"

Tentata estorsione sui lavori della caserma dei carabinieri forestali di Soriano. Con questa accusa Domenico Criniti (38 anni) è finito in carcere. I fatti, per come riporta “il Quotidiano del Sud”, risalgono a giugno scorso. Secondo quanto emerge dall’inchiesta, l’uomo avrebbe rivolto minacce all’imprenditore vibonese Pietro Nocera (che aveva ottenuto l’appalto per il completamento dell’edificio) a cui l’indagato avrebbe rivolto queste parole: “Se non vi fornisco il materiale, allora vi dovete mettere a posto”, allo scopo di costringere l’imprenditore ad effettuare in via esclusiva l’approvvigionamento di materiale edile dalla propria impresa. Le pressioni sarebbero aumentate con l’andare del tempo: “Se non vi fornisco il materiale, allora vi dovete mettere a posto, non sapete come funziona a Soriano? Tutti quelli che vengono a lavorare a Soriano si devono mettere a posto”.
A questo punto, il citato imprenditore non solo non ha ceduto ma si è recato dai carabinieri per presentare denuncia, mentre Criniti si sarebbe presentato sul cantiere intimando agli operai della vittima “di raccogliere “i ferri” e andare via. Andate via di qua, se faccio il giro dell’isolato e fra cinque minuti vi trovo qua finisce male, vi prendo con un legno, digli al tuo titolare di pagarmi il materiale e poi se ne parla”.