Tenta fuga sui tetti, arrestato latitante nel Vibonese

Era ricercato da novembre scorso,deve scontare condanna 7 anni

Era ricercato dal novembre scorso dopo essersi sottratto ad un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura di Vibo Valentia dovendo espiare 7 anni di reclusione per spaccio e detenzione di droga. Giovanni Emmanuele, di 38 anni, ritenuto affiliato all’omonimo gruppo criminale operante nelle Preserre vibonesi, è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno e del Nucleo Investigativo di Vibo Valentia assieme ai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” in una casa disabitata nel centro storico di Gerocarne.  Emmanuele che aveva installato un sistema artigianale di videosorveglianza allo scopo di monitorare tutti i movimenti sospetti all’esterno dell’immobile, una volta accortosi della presenza dei militari, ha tentato di darsi alla fuga sui tetti delle abitazioni adiacenti ma dopo un inseguimento è stato bloccato. Nell’immediatezza è giunto sul posto anche un fratello del latitante, Salvatore che, allo scopo di agevolare la fuga del congiunto, si è scagliato contro i carabinieri. Anche lui è stato subito immobilizzato e arrestato e posto ai domiciliari per resistenza a pubblico ufficiale e violazione della sorveglianza speciale. alla quale è sottoposto.
Da tempo i militari erano sulle tracce del ricercato. Poche settimane addietro, infatti, era scattato un altro blitz che, però, era andato a vuoto. Anche in quella circostanza era stato arrestato il fratello di Emmanuele per resistenza a pubblico ufficiale.