Vibo Valentia, Covid dilagante

Focolaio a Piscopio. Il sindaco Limardo annuncia: da lunedì 2 l’istituzione di una “zona rossa” circoscritta alla frazione vibonese

Dati allarmanti quelli che provengono dall’Asp di Vibo Valentia. Nella sola giornata di ieri, 26 dicembre, i tamponi processati in autonomia dall’Azienda sanitaria provinciale sono 172, in due distinte tranche, una mattutina ed una pomeridiana; di questi sono ben 104 quelli risultati positivi. A pesare sui tamponi effettuati è, con numeri significativi, il focolaio registrato negli ultimi giorni nella frazione di Piscopio del capoluogo vibonese. Il dato dei positivi fa riferimento, però, a tutta la provincia di Vibo Valentia. Nei 104 rientrano dunque, tra gli altri, anche i 7 registrati a Serra San Bruno (  e due tamponi a Limbadi. Resta alta l’apprensione   per il focolaio registrato nella frazione di Piscopio del capoluogo vibonese. Numeri importanti considerati i soli 2mila abitanticirca della frazione.

“Sono in continuo contatto con le autorità sanitarie provinciali e regionali, e con il presidente facente funzioni Nino Spirlì – ha poi spiegato la Limardo – per l’assunzione di eventuali provvedimenti allorquando cesserà la già esistente zona rossa”. Lasciando quindi intendere che le autorità sanitarie stanno valutando, da lunedì 28, l’istituzione di una “zona rossa” circoscritta alla frazione vibonese. “Si conferma che domani mattina, nei pressi del Palazzetto dello Sport – conclude il sindaco – proseguirà l’attività di screening della popolazione di Piscopio”.