Il consorzio di bonifica integrale deve assumere i lavoratori a progetto

La Corte D’Appello di Catanzaro conferma la trasformazione dei rapporti di lavoro finalizzati in contratti di tipo subordinato a tempo indeterminato

La Corte D’Appello di Catanzaro in accoglimento dell’appello proposto dagli avvocati Francesco Grossi e Graziano Di Natale ha condannato il consorzio di bonifica integrale dei bacini meridionali del Cosentino a riammettere, nel posto di lavoro, una lavoratrice, precedentemente occupato presso il consorzio di bonifica della Piana di Sibari con contratto di lavoro a progetto.
La sentenza è la prima che non solo conferma la trasformazione del rapporto di lavoro a progetto in lavoro di tipo subordinato a tempo indeterminato ma nello stesso tempo ne consolida la liceità a tutti gli effetti.
Ora si resta in attesa della pronuncia della Corte sugli altri ricorsi dei lavoratori del precedente Sibari-Crati ma è evidente che a questo punto non dovrebbe discostarsi dall’orientamento assunto.