Rinviata l’udienza preliminare davanti al gup di Salerno

Difetto di notifica nel procedimento che vede indagato Faccciolla con Tignanelli e il maresciallo Greco

E’ stata rinviata, per un difetto di notifica, al prossimo gennaio l’udienza, dinanzi al gup del tribunale di Salerno Giandomenico D’Agostino, per decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio dell’ex procuratore di Castrovillari (Cosenza), Eugenio Facciolla, trasferito dal Csm al tribunale di Potenza. Il giudice, difeso dall’avvocato Antonio Zecca del foro di Salerno, è indagato dalla procura di Salerno, competente per i reati che coinvolgono magistrati del distretto di Catanzaro, per corruzione per atto conforme ai doveri d’ufficio per l’utilizzo di una scheda sim, i cui pagamenti delle telefonate e del canone, secondo la difesa, venivano effettuati dallo stesso Facciolla, e per falso per la presunta alterazione della data di una relazione di servizio. Oltre al magistrato, sono indagate altre quattro persone. Intanto, una buona parte delle accuse contestate a Facciolla sono state già archiviate su richiesta dei pm titolari del fascicolo.