Stige, scarcerato il maresciallo Greco

Va ai domiciliari

Il maresciallo dei carabinieri forestale Carmine Greco, accusato dalla Dda di Catanzaro di associazione mafiosa, per aver favorito imprenditore del settore boschivo, gli Spadafora di San Giovanni in Fiore, è stato scarcerato. Il Riesame in sede di Appello, dopo un anno dall’arresto,  ha accolto la richiesta degli avvocati.

Greco oggi è sotto processo presso il tribunale collegiale di Crotone che nei giorni scorsi ha rigettato la richiesta della Dda di Catanzaro di unire questo procedimento al maxi processo “Stige”, da cui nasce poi l’indagine sul maresciallo della stazione “Cava di Melis” di Longobucco e sul magistrato Facciolla.
Per ora Greco torna a casa sottoposto comunque alla misura degli arresti domiciliari.