La notte di Cetraro come “Betlemme”…

Parto evidentemente doveva essere e parto è stato, l’altra notte a Cetraro. E con l’aiuto del buon Dio (e dei sanitari di “bordo”) va detto che è andato tutto bene e mamma e piccolo stanno alla grande nonostante “l’abusività” dell’avvento. E già perchè il punto nascita di Cetaro, come è noto, è stato temporaneamente sospeso ma evidentemente nulla si può quando la natura “chiama”, bussa alla porta, come racchiuso metaforicamente nell’avvento della grotta di Betlemme. Resta da ricostruire con esattezza la cronaca della nottata, con la direzione sanitarja a dirottare (per legge) la partoriente su Cosenza con tanto di ambulanza parcheggiata per un’ora in lista d’attesa. Ma il tempo è passato lo stesso tra il traccheggiamento del ginecologo e l’ostilità dei diretti interessati, orientati alla soluzione in loco e “nature”, la nascita a Cetraro. Come natura ha voluto. E forse non solo lei…