Pensionato ucciso, i 4 arrestati sono calabresi

A incastrarli il dna e un video. Sarebbero loro ad aver ucciso Sesto Grilli a Pesaro

L’esterno della casa dove un pensionato di 74 anni è stato trovato morto legato ad una seggiola e imbavagliato a San Lorenzo in Campo (Pesaro), 18 marzo 2019.
ANSA/ROBERTO DAMIANI

I carabinieri di Pesaro hanno arrestato quattro persone per l’omicidio di Sesto Grilli, pensionato di 74 anni, trovato morto, legato e imbavagliato nella sua abitazione di San Lorenzo in Campo la notte del 17 marzo scorso. Per il delitto, probabilmente scaturito da una rapina, sono finite in carcere persone originarie della Calabria ma residenti tra Marche ed Emilia Romagna: tra gli elementi d’accusa tracce genetiche, per due arrestati, filmati di telecamere di videosorveglianza e traffico telefonico in zona. I militari del Comando provinciale di Pesaro, guidato dal col.

    Luciano Ricciardi, e del Norm hanno eseguito ordini di custodia in carcere emessi dal gip Francesco Messina su richiesta del pm Maria Letizia Fucci: arresti a Pesaro, San Pietro in Casale (Bologna) e Melissa (Crotone). In casa di Grilli erano trovati 13mila euro in contanti. Forse era questo l’obiettivo della presunta banda. Nei prossimi giorni ci saranno gli interrogatori di garanzia e altri accertamenti per chiarire le singole posizioni.